Apple lancia una partnership con l'Osservatorio Giovani-Editori

Apple lancia una partnership con l’Osservatorio Giovani-Editori

19 Marzo 2019 17.43
Like me!

Apple ha annunciato una nuova iniziativa a sostegno di due organizzazioni no-profit negli Usa e di una in Europa che offrono programmi indipendenti di educazione ai media. Per l'Europa, Cupertino ha scelto l'Osservatorio Permanente Giovani-Editori italiano, che riceverà supporto da parte di Apple per portare avanti il suo impegno nel potenziare i giovani con il pensiero critico necessario nell'era digitale contemporanea. Le altre due organizzazioni sono il News Literacy Project e il Common Sense, entrambe negli Usa.

IL LAVORO DELL'OSSERVATORIO GIOVANI-EDITORI

L'Osservatorio è stato fondato e guidato da Andrea Ceccherini.

Negli ultimi 18 anni, milioni di studenti italiani hanno partecipato ai programmi offerti dall'Osservatorio Giovani-Editori che hanno permesso loro di capire meglio il giornalismo di qualità e di distinguerlo dalle altre fonti di informazione, combattendo le fake news. Tra i progetti più importanti Il Quotidiano in Classe e Il Giornale in Ateneo.

CECCHERINI: «PENSIERO CRITICO CONTRO LE FAKE NEWS»

«La nostra missione è di aiutare i giovani a sviluppare un pensiero critico comparando diverse fonti di informazione», ha detto Ceccherini, «in un'epoca di diffusione delle fake news, non possiamo affidarci solo a soggetti esterni per il controllo delle notizie. Possiamo allenare le nostre menti e diventare padroni del nostro destino. La nostra ambizione è di aiutare a formare più cittadini, aumentando l'apertura della nostra società a una cultura di confronto e dibattito civilizzato, che sono la base della nostra democrazia». «L'educazione ai media è vitale per il sostegno della stampa libera e della democrazia. Siamo orgogliosi di collaborare con queste organizzazioni in prima linea», ha dichiarato il ceo di Apple Tim Cook, «e siamo impressionati dall'importante lavoro che hanno fatto fin qui».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *