Assange, l’Unasur appoggia l’Ecuador

Redazione
20/08/2012

I ministri degli Esteri dell’Unione delle Nazioni Sudamericane (Unasur) hanno espresso, il 20 agosto, la loro «solidarietà e appoggio» al...

Assange, l’Unasur appoggia l’Ecuador

I ministri degli Esteri dell’Unione delle Nazioni
Sudamericane (Unasur) hanno espresso, il 20 agosto, la loro
«solidarietà e appoggio» al governo dell’Ecuador per la
vicenda di Julian Assange – il cofondatore di Wikileaks
rifugiatosi nell’ambasciata ecuadoregna a Londra – invitando
i governi di Gran Bretagna ed Ecuador a «proseguire nel dialogo
per arrivare a una soluzione accettabile per le due parti».
«VALORE ISTITUZIONALE DELLA FIGURA
DELL’ASILO».
Al termine di un vertice a Guayaquil,
nell’Ecuador stesso, i ministri dell’Unasur –
organizzazione alla quale appartengono 12 paesi del subcontinente
– hanno diffuso una dichiarazione comune nella quale hanno
espresso anzitutto «solidarietà e appoggio al governo
dell’Ecuador di fronte alla minaccia di una violazione dei
locali della sua missione diplomatica», in riferimento
all’ambasciata di Londra, dove si trova rinchiuso
Assange.
«Torniamo a sottolineare il valore istituzionale della figura
dell’asilo e del rifugio, come mezzo per proteggere i diritti
umani di persone che si sentono minacciate», si legge nella
dichiarazione.