Asse tra Puglia e Veneto per trasporti merci più puliti

Redazione
10/10/2023

Al via l'intesa tra il gruppo Gts, operatore ferroviario con sede a Bari, e Codognotto Italia, azienda di logistica e trasporti. Un accordo che consentirà di togliere dalla strada 2 mila tir all'anno e ridurre le emissioni di CO2.

Asse tra Puglia e Veneto per trasporti merci più puliti

Al via l’intesa tra il gruppo Gts, l’operatore ferroviario con sede a Bari, e Codognotto Italia, azienda di Salgareda di logistica e trasporti con presenza diretta nei principali mercati europei. Un accordo che si pone tra gli obiettivi quello di «rafforzare l’offerta di servizi puntando sull’intermodalità in Italia e in Europa per rendere le catene di rifornimento più veloci, sostenibili e con tariffe più competitive». Nella pratica, come si legge in una nota, questa nuova partnership si tradurrà in 50 mila tonnellate di merce trasferite dalla gomma al ferro e quindi una riduzione del traffico stradale che consentirà di togliere dalla strada 2 mila tir l’anno.

l’accordo permetterà una riduzione delle emissioni di CO2

L’azienda Codognotto movimenta ogni anno oltre 4 milioni di tonnellate di merce. Come ha dichiarato Gabriele Piccolo, deputy FTL director: «Negli ultimi due anni abbiamo investito oltre 10 milioni in digitalizzazione, servizi IT e veicoli dedicati al trasporto combinato strada-rotaia. Questo accordo ci permetterà di fornire ai clienti un’offerta intermodale migliore per qualità del servizio e riduzione delle emissioni di CO2. Basta guardare il valore economico del mercato dell’autotrasporto nazionale, oltre 300 miliardi. Le aziende, per essere più competitive, devono stare al passo con le nuove tecnologie». Secondo Massimo Marra, sales and project manager di Gts, l’accordo permetterà al network dei collegamenti di ampliarsi sempre di più: «Con questa intesa, Gts aggiunge la Polonia al proprio network. Collegheremo Bari, Nola e Pomezia, tramite il gateway di Piacenza, alla città industriale di Gliwice. La trazione del treno da Piacenza è affidata alla nostra Gts Rail con otto treni alla settimana, ma siamo pronti ad aumentarli sino a 14». Marra ha poi concluso: «Ogni treno trasporta 32 container carichi di merce alimentare, beverage, mobili e siderurgico. Grazie alle altre divisioni, Gts si rafforza sia in import che export: Gts Iberia, Gts Next e Seaway Agency, specializzata in trasporto marittimo. Con quest’ultima sarà possibile un collegamento dal porto di Taranto (con navi in arrivo dalla Turchia, Spagna e Tunisia) alla Polonia».