L’Assemblea Onu ha approvato una risoluzione sul cessate il fuoco a Gaza. Italia astenuta

Redazione
13/12/2023

Nel testo non vincolante si chiede lo stop immediato e umanitario dei combattimenti e la liberazione di tutti gli ostaggi senza condizioni. Israele e Stati Uniti hanno votato contro. Diversi Paesi Ue favorevoli.

L’Assemblea Onu ha approvato una risoluzione sul cessate il fuoco a Gaza. Italia astenuta

Martedì 13 dicembre l’Assemblea Generale dell’Onu ha approvato una risoluzione non vincolante che chiede a Israele «un immediato cessate il fuoco umanitario» nella Striscia di Gaza e «la liberazione immediata e senza condizioni di tutti gli ostaggi e la garanzia dell’accesso per ragioni umanitarie». La risoluzione è stata approvata da 153 Paesi membri, mentre hanno votato contro 10 Paesi tra cui, oltre a Israele, gli Stati Uniti, l’Austria, la Repubblica Ceca. Altri 23 Paesi si sono astenuti, tra cui l’Italia, la Germania, la Lituania, i Paesi Bassi, il Regno Unito e l’Ucraina. Tra i Paesi Ue che hanno votato a favore ci sono la Francia e la Spagna, il Belgio, la Grecia e la Svezia.

Gli Stati Uniti avevano posto il veto sulla risoluzione del Consiglio di sicurezza

Lo scorso 28 ottobre l’Assemblea delle Nazioni Unite aveva già votato su una risoluzione per chiedere una «tregua umanitaria», che era stata adottata con 121 voti a favore, 14 contrari e 44 astensioni. Il 9 dicembre invece gli Stati Uniti avevano posto il veto su una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu che chiedeva un cessate il fuoco umanitario, immediato e permanente, nella Striscia di Gaza. Al contrario delle risoluzioni approvate dall’Assemblea generale, che hanno solo un peso politico, quelle adottate dal Consiglio di sicurezza sono vincolanti.

LEGGI ANCHE: Onu: «La situazione a Gaza è l’inferno sulla Terra». Nove famiglie su 10 non mangiano tutti i giorni