Le Atp Finals sono state assegnate a Torino dal 2021 al 2025

Le Atp Finals sono state assegnate a Torino dal 2021 al 2025

Il più importante torneo professionistico di tennis dopo le quattro prove del Grande Slam si disputerà nel capoluogo piemontese che ha battuto la concorrenza di Londra Tokyo, Singapore e Manchester.

24 Aprile 2019 09.12

Like me!

Le Atp Finals si svolgeranno a Torino dal 2021 al 2025. L'associazione giocatori lo ha appena ufficializzato. Il più importante torneo professionistico di tennis dopo le quattro prove del Grande Slam si disputerà nel capoluogo piemontese che ha battuto la concorrenza di Londra Tokyo, Singapore e Manchester.

La corsa per aggiudicarsi il torneo era cominciata l'8 agosto 2018, quando l'Atp aveva comunicato l'apertura di una gara per assegnare la sede per cinque anni a partire dal 2021. La Federtennis era entrata in gara il 10 novembre presentando la candidatura con l'appoggio del governo, del Comune di Torino, della Regione Piemonte e del Coni. Inizialmente le città in corsa erano circa 40, diventate 5 il 14 dicembre, quando l'Atp ha definito una short list: con Torino, Singapore, Tokyo, Manchester e Londra (sede del torneo fino al 2020). Lo scorso 8 marzo il passo che ha dato slancio alla candidatura torinese, con la firma del decreto della Presidenza del Consiglio con il quale sono stati stanziati i contributi statali necessari a rendere sostenibile l'organizzazione dell'evento. Il torneo si giocherà al Pala Alpitour, impianto inaugurato in occasione delle Olimpiadi Invernali del 2006. Con oltre 14 mila posti è la più capiente struttura coperta d'Italia.

È stimato tra i 120 e i 150 milioni di euro, ogni anno, il ritorno economico per Torino delle Atp Finals

Secondo l'amministrazione comunale è stimato tra i 120 e i 150 milioni di euro, ogni anno, il ritorno economico per Torino delle Atp Finals. Negli ultimi nove anni, le Finals hanno portato a Londra oltre due milioni e 300 mila persone con, ogni anno, presenze costantemente superiori alle 250 mila. Per quanto concerne la copertura televisiva mondiale e i canali digitali, sono state registrate in media 101,9 milioni di visualizzazioni, effettuate 10milioni di riproduzioni video e sono state 96 milioni le persone che hanno seguito l'evento attraverso i canali tivù.

APPENDINO E CHIAMPARINO ESULTANO

«Torino is in»: è il tweet della sindaca, Chiara Appendino, sull'assegnazione al capoluogo piemontese. «La chiave del successo di Torino risiede nella qualità di una proposta eccellente, innovativa», sottolinea, «dobbiamo tenere conto che un ruolo fondamentale e un contribuito determinante al buon esito della candidatura è stato assicurato dal sostegno, impegno e capacità di 'fare squadra' delle istituzioni locali, del governo, dell'Istituto per il Credito Sportivo, imprese del nostro territorio». Poi in un video su Facebook ha commentato: «Sono emozionata: è un sogno su cui abbiamo lavorato e che oggi è diventato realtà». Anche il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino non ha nascosto la sua gioia: «La conquista delle Atp finals a Torino rappresenta un risultato importante per la città e per il Piemonte, frutto di un lavoro di squadra guidato con determinazione dalla sindaca, al quale abbiamo partecipato e parteciperemo con tutto l'impegno necessario». Poi ha aggiunto non senza una piccola vena polemica: «Val la pena sottolineare che fra gli elementi che hanno significativamente concorso alla vittoria vi è la disponibilità di impianti sportivi di prim'ordine, tra cui alcuni frutto della eredità delle, per qualcuno tanto vituperate, Olimpiadi del 2006».

Game, set e match per Torino e l'Italia. Abbiamo segnato il punto più bello

«Game, set e match per Torino e l'Italia. Abbiamo segnato il punto più bello grazie a un lavoro instancabile e silenzioso che va avanti da mesi e che ha permesso a Torino di vincere su 40 contendenti», ha scritto in una nota Simone Valente, sottosegretario M5s alla presidenza del consiglio si è battuto moltissimo perché le kermesse tennistica ricevesse dal governo tutto il sostegno necessario e ora dunque esulta per la scelta. «Una prima volta che per tutti ha il sapore della doppia vittoria: nessuno mai aveva provato a portare un torneo di tennis così prestigioso nel nostro Paese», conclude il sottosegretario, «noi, a differenza di altri, ci abbiamo provato, creduto fortemente e alla fine ci siamo riusciti. Grazie a quanti non hanno mai smesso di lavorare per questa vittoria del tennis e dell'Italia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *