Gli attacchi informatici contro Israele sono aumentati del 18 per cento

Redazione
23/10/2023

Secondo gli analisti sarebbero opera di hacktivisti russi e iraniani che stanno sfruttando la guerra per lanciare attacchi ransomware.

Gli attacchi informatici contro Israele sono aumentati del 18 per cento

Da quando è esplosa la crisi in Medio Oriente sono aumentati del 18 per cento gli attacchi informatici contro Israele e sono cresciuti quelli nel settore governativo e militare, con una impennata del 52 per cento rispetto alle settimane precedenti il 7 ottobre. Questi alcuni dei dati contenuti in un rapporto di Check Point Software Technologies, società di sicurezza informatica con sede a Tel Aviv. Tra le minacce informatiche individuate ci sono gli attacchi Ddos, quelli che mettono ko un sito, da parte di gruppi di hacktivisti (deriva dall’unione delle parole hacker e attivisti) contro i siti web israeliani.

La minaccia maggiore arriverebbe dagli hacktivisti affiliati alla Russia 

Tra le tendenze crescenti che potrebbero intensificare il conflitto informatico ci sono gruppi di hacktivisti affiliati alla Russia che si stanno ora concentrando su Israele, gruppi sostenuti dal governo iraniano che stanno entrando nel conflitto, criminali informatici che stanno sfruttando la guerra per lanciare attacchi ransomware. «Fin dalle prime ore della guerra abbiamo osservato un graduale spostamento dell’attenzione dei principali gruppi di hacktivisti affiliati alla Russia come Killnet e Anonymous Sudan, lontano dalla loro narrativa contro l’Ucraina e i paesi occidentali, verso un’azione contro Israele», hanno spiegato i ricercatori. Inoltre, secondo la società di sicurezza, «Adl Ali, un gruppo di hacktivisti emerso alla fine di settembre 2022 durante le proteste contro il regime iraniano in seguito alla morte di Mahsa Amini, si è buttato nella mischia il 10 ottobre, sostenendo di prendere di mira le infrastrutture israeliane». «Si prevede che la guerra informatica sarà uno strumento utilizzato da più entità su entrambi i fronti, indipendentemente dal loro coinvolgimento diretto nel conflitto di terra. Una domanda che sorge spontanea è come Hamas, che sta affrontando sfide infrastrutturali come le interruzioni di corrente nella Striscia di Gaza, si muoverà nel dominio informatico», ha concluso Check Point Software Technologies.