Attacco di Israele su Damasco, ucciso il capo dell’intelligence in Siria dei Guardiani della Rivoluzione iraniani

Redazione
20/01/2024

Missili su un palazzo dove era in corso un vertice tra pasdaran e leader dei gruppi armati alleati contro lo Stato ebraico. Sono quasi 25 mila le vittime a Gaza dall'inizio della guerra. Netanyahu a Biden: «Dobbiamo mantenere la sovranità sulla Striscia». Gli aggiornamento sul conflitto, a rischio escalation.

Attacco di Israele su Damasco, ucciso il capo dell’intelligence in Siria dei Guardiani della Rivoluzione iraniani

Israele torna a colpire in Siria, con un raid aereo che ha distrutto un palazzo nel quartiere di Mezzeh, alla periferia di Damasco, facendo almeno cinque morti e altrettanti feriti. Secondo le notizie rilanciate dai media arabi, nell’edificio si stavano incontrando «leader schierati con l’Iran» e in guerra con lo Stato ebraico. Haaretz riferisce che nel raid sono stati uccisi due consiglieri anziani delle Guardie rivoluzionarie di Teheran. L’agenzia locale Mehr va oltre, scrivendo che i missili di Tel Aviv hanno ucciso il capo dell’intelligence in Siria delle Guardie rivoluzionarie, il suo vice e altri due pasdaran. «Il criminale regime sionista ha aggredito ancora una volta la capitale siriana e gli aerei da combattimento del regime usurpatore hanno ucciso un certo numero di forze siriane e quattro consulenti militari iraniani», afferma un comunicato dei Guardiani della rivoluzione, minacciando una rappresaglia. Secondo fonti citate da SkyNews Arabia, tra le vittime del bombardamento ci sarebbe anche uno dei leader della Jihad islamica palestinese, Akram Al-Ajouri.

Hamas aggiorna il conteggio delle vittime: 24.927 morti a Gaza dal 7 ottobre

Il Ministero della Salute di Hamas ha aggiornato a 24.927 il numero di vittime nella Striscia di Gaza dall’inizio della guerra con Israele. Sono 165 le persone rimaste uccise nelle ultime 24 ore. Il numero complessivo dei feriti è di 62.388. L’agenzia palestinese Wafa riferisce in particolare di pesanti attacchi su «appartamenti residenziali e proprietà pubbliche colpite e danneggiate gravemente» nella zona di Khan Yunis, nel sud della Striscia.

Attacco di Israele su Damasco, uccisi ufficiali delle Guardie rivoluzionarie iraniane. Gli aggiornamenti sul conflitto.
Colpo di artiglieria sparato dall’esercito israeliano (Ansa).

Netanyahu contro Biden sulla sovranità palestinese a Gaza

«Israele deve mantenere il pieno controllo della sicurezza della Striscia per garantire che Gaza non rappresenti più una minaccia per Israele, e questo è in conflitto con la richiesta di sovranità palestinese». Questa la posizione di Benyamin Netanyahu tenuta nell’ultima conversazione con Joe Biden. Il premier israeliano, tramite il suo ufficio ha in pratica smentito la sua non opposizione alla soluzione a due Stati.

Dopo una settimana ripristinati i servizi di comunicazione nella Striscia di Gaza

I servizi di telefonia e quelli Internet stanno gradualmente tornando nella Striscia. Lo ha fatto sapere l’azienda Paltel. Quello che sembra si stia risolvendo è stato il più lungo blackout delle comunicazioni a Gaza dall’inizio della guerra: circa una settimana.

Attacco di Israele su Damasco, uccisi ufficiali delle Guardie rivoluzionarie iraniane. Gli aggiornamenti sul conflitto.
Sfollati palestinesi a Rafah (Getty Images).

L’Idf si difende dell’accusa di aver profanato cimiteri: «Operazioni per cercare i cadaveri degli ostaggi»

L’esercito israeliano avrebbe profanato almeno 16 cimiteri nella sua offensiva a Gaza, lasciando lapidi rotte, cumuli di terra e persino corpi esumati. È quanto emerge da un’inchiesta della Cnn. Fonti dell’Idf avrebbero spiegato che queste operazioni fanno delle ricerche dei resti degli ostaggi sequestrati da Hamas durante gli attacchi terroristici del 7 ottobre.