In Italia l’attività economica resta moderata

A maggio 2019 l'indicatore ancora in diminuzione, anche se più leggera del mese precedente. Rallenta l'attività dei servizi ma meno del previsto.

05 Giugno 2019 11.22
Like me!

Come sta l’Italia? A giudicare dagli indicatori non in ottima salute. Per esempio l’anticipatore sull’andamento dell’economia del nostro Paese messo a punto dall’Istat ha segnato a maggio 2019 «un’ulteriore diminuzione seppure di minore entità rispetto al mese precedente, suggerendo la persistenza di uno scenario di moderazione dei livelli di attività economica».

SULLA SOGLIA TRA ESPANSIONE E CONTRAZIONE

Anche l’attività dei servizi in Italia a maggio ha rallentato ancora. Il relativo indice Pmi, calcolato da IHS/Markit in base al sondaggio fra i direttori acquisti, è sceso a 50 punti dai 50,4 di aprile. Tuttavia il dato è migliore delle attese degli analisti che avevano previsto una discesa a 49,8, ossia sotto quota 50 che è la soglia di demarcazione tra espansione e contrazione del ciclo. L’indice Pmi composito, che monitora l’andamento del settore manifatturiero e dei servizi, è salito a 49,9 punti da 49,5.

MUTUI: 65 MILIARDI EROGATI NEL 2018

Per quanto riguarda i mutui, ha sfondato il tetto dei 65 miliardi di euro il capitale complessivo erogato dagli istituti di credito per finanziamenti ipotecari nel 2018 e, rispetto all’anno precedente, sono cresciuti i mutui sui fabbricati (+2,5%). Lo ha rilevato il Rapporto dati statistici notarili su compravendite di beni mobili e immobili, mutui, donazioni, imprese e società che confronta l’andamento del II e I semestre 2018. Prevalenti le richieste fino a 100 mila euro (35%), ma sono salite nel II semestre quelle tra 150 mila e 300 mila euro (+7% in media).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *