Sanremo: Fiorello difende Baglioni sui compensi

18 Gennaio 2019 20.01
Like me!

«Perché i giornali e la gente si indignano con i conduttori del Festival di Sanremo Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele per i compensi? E perché non ci si indigna allo stesso modo verso i delinquenti che rapinano, per quelli che non pagano le tasse (e quindi rubano soldi ai contribuenti) o per i politici che mangiano con le mazzette sulle opere pubbliche?»: se lo chiede Fiorello, sfogliando i giornali, in una storia pubblicata su Instagram. E tira in ballo anche il calcio: «Non voglio dire Cristiano Ronaldo, ma perché non leggo articoli del tipo 'ecco il compenso su Zappacosta'?».

Parlando a nome dei personaggi di spettacolo, lo showman spiega: «A quelli che si indignano, vorrei dire che Baglioni ha una carriera di anni e anni. Tutti i personaggi partono da zero e poi alcuni ce la fanno. Io sono riuscito da solo… Parlo perché c'è stato un momento della mia vita in cui non guadagnavo niente. Ora sì, pago le tasse e mi dovrei vergognare?». C'è una legge di mercato, aggiunge, «per la quale, se Baglioni porta tantissimi soldi alla Rai, come ha già dimostrato l'anno scorso, guadagna questo».

«NON SCANDALIZZIAMOCI PER I COMPENSI»

Fiorello se la prende con chi fomenta l'indignazione popolare mettendo in piazza solo i compensi di alcuni personaggi e con chi si scandalizza. «Io vorrei chiedere onestamente ad uno che è stipendiato (e che magari fa fatica) 'se tu avessi avuto velleità artistiche e ce l'avessi fatta, oggi che faresti, diresti non voglio soldi, non li merito?'. L'artista», aggiunge, «non è un lavoro che possono fare tutti. Lo fai se hai talento, come Baglioni, Bisio e Raffaele che oggi guadagnano soldi, mica li rubano… Ma vengono messi sulla pubblica piazza e martoriati, vituperati, lapidati dalla gente che guarda e si indigna». Concludendo, Fiorello si rivolge a chi spera, un giorno, di poter vivere lavorando come artista: «Parlo a te, che fai la gavetta nei locali, provini per i talent, che magari frequenti una scuola di recitazione per inseguire il tuo sogno. Se un giorno ce la farai, e te lo auguro, sappi che finirai sul giornale e ti incolperanno perché in Italia chi ce la fa è uno stronzo, un coglione che ruba i soldi dei contribuenti….».

ARRIVA IL CHIARIMENTO TRA BAGLIONI E SALVINI

Intanto si allenta la tensione tra il direttore artistico Claudio Baglioni e il ministro dell'Interno Matteo Salvini che avevano polemizzato sul tema dei migranti: nei giorni scorsi, a quanto si apprende da fonti del Viminale, c'è stata una telefonata tra i due dai toni cordiali e l'"incidente" è stato lasciato alle spalle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *