Bambino morto in un incendio in casa vicino a Pordenone

12 Febbraio 2019 17.39
Like me!

Un bimbo di cinque anni, di origini burkinabè, è morto a causa delle le ferite riportate in un incendio divampato nella abitazione, occupata da una famiglia allargata del Burkina Faso, dove stava dormendo. In casa c'erano anche due gemelli adulti, fuggiti in tempo, che ignoravano la presenza del piccolo in casa: uno stava dormendo e si è lanciato dal primo piano riportando varie fratture e uno stato di intossicazione; l'altro è soltanto intossicato.

L'ULTIMO DISPERATO TENTATIVO DI UN VIGILE DEL FUOCO

La coppia di gemelli era convinta che in casa non ci fosse nessun altro, ma poco dopo è giunta una donna, della famiglia, la quale ha detto che invece nell'abitazione si trovava il piccolo, suo figlio. Un vigile del fuoco a quel punto, nonostante la casa fosse praticamente avvolta dalle fiamme, si è lanciato all'interno riuscendo poco dopo a portare all'esterno il piccolo. Che è apparso subito in condizioni disperate e sarebbe stato preso in carico dai sanitari accorsi sul posto. Era intanto giunto anche un elicottero con lo scopo di trasferirlo in ospedale ma, secondo quanto si è appreso, non si sarebbe nemmeno rialzato in volo perché il bambino è morto subito dopo.

UNA FAMIGLIA INTEGRATA DA ANNI

La famiglia di burkinabé in cui si è verificata la tragedia, secondo le prime informazioni, viveva da molti in anni nel Pordenonese ed era molto ben integrata, conosciuta dagli altri residenti della zona. Non sono ancora state accertate le cause dell'incendio ma sul posto stanno ancora operando tre squadre dei vigili del fuoco, giunte dai distaccamenti di Spilimbergo e Maniago e da Pordenone. Sul posto ci sono anche due ambulanze del 118, l'elisoccorso e i carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *