Redazione

Cosa sappiamo sul batterio killer in Inghilterra

Cosa sappiamo sul batterio killer in Inghilterra

Una rara infezione da Streptococco A invasivo (iGAS) si è diffusa nella contea di Essex e ha provocato già 12 morti.

27 Giugno 2019 14.45

Like me!

Le autorità sanitarie inglesi sono alle prese con una rara infezione da Streptococco A invasivo (iGAS), che si è diffusa nella contea di Essex e ha provocato già 12 morti. Il batterio killer ha contagiato finora 32 persone, soprattutto anziani che sono stati curati per ferite croniche in comunità e case di cura, ma non con un’adeguata terapia antibiotica.

IL PRIMO CASO RISALE A FEBBRAIO

Il primo caso risale al mese di febbraio. «Purtroppo finora non siamo stati in grado di contenere completamente la situazione», ha spiegato il dottor Jorg Hoffman, vicedirettore della Public Health England East. L’allarme è scattato e così in via precauzionale centinaia di persone, molte di quelle che lavorano nelle case di cura, sono state sottoposte a controlli e avviate a una terapia antibiotica.

IL CONTAGIO PUÒ AVVENIRE CON UN SEMPLICE STARNUTO

Il batterio iGAS si trova naturalmente in alcune parti del corpo, come ad esempio pelle e gola. Ma se entra nel circolo sanguigno e nei muscoli può diventare letale. Il contagio è molto rapido e può avvenire semplicemente con uno starnuto o un bacio. Per questo motivo le autorità sanitarie britanniche hanno invitato i cittadini, qualora dovessero presentarsi mal di gola, macchie rosse sul palato, placche di pus sulle tonsille, astenia e altri sintomi parainfluenzali, a recarsi dal medico che provvederà a effettuare un tampone.

EPIDEMIA IN CORSO

Il 26 giugno è stato diramato un avviso in cui si parla esplicitamente di «epidemia in corso». Parlando con Metro.co.uk, una portavoce dell’ospedale NHS Mid Essex ha spiegato che i sintomi che le persone dovrebbero cercare di riconoscere sono quelli dei batteri in una ferita: «Esaminate i dolori addizionali, il rossore esterno attorno alla lesione, il calore in eccesso o eventuali secrezioni. Altri sintomi includono febbre o sensazione di malessere generale, stanchezza o perdita di appetito». Il consiglio è di avvisare immediatamente il medico di famiglia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *