Belgio, 27 scuole chiuse a causa di un allarme bomba

Redazione
27/11/2023

Lo stop temporaneo delle attività scolastiche dopo che i dirigenti delle strutture hanno ricevuto email nelle quali si minacciava il ricorso a «esplosivi se non fosse stato pagato un riscatto».

Belgio, 27 scuole chiuse a causa di un allarme bomba

In Belgio, a causa di un allarme bomba, sono state chiuse diverse scuole di Bruxelles e provincia. L’allerta è salita nella serata di domenica 26 novembre, quando le forze dell’ordine hanno riscontrato la presenza di possibili attentanti, così come riportato dal quotidiano belga Le Soir. Le autorità hanno così disposto la chiusura di 27 istituti scolastici, per un totale di circa 10 mila studenti, da sottoporre a ispezione da parte delle forze dell’ordine.

Le email di minaccia ricevute dagli istituti

Sulle chiusure delle scuole è intervenuto Julien Nicaise, amministratore generale della Wbe, Wallonie-Bruxelles Enseignement, la rete dell’organizzazione che gestisce gli istituti: «Ieri sera diversi direttori delle scuole ci hanno informato di aver appena ricevuto una email di minacce». Lo stesso ha poi precisato che nel testo veniva fatto riferimento al possibile utilizzo di «esplosivi se non fosse stato pagato un riscatto».

Le precedenti allerte

In Belgio, purtroppo, l’allerta terrorismo non è affatto una novità. All’inizio di novembre, infatti, due scuole erano state evacuate a Charleroi e Dinant, in Vallonia, a causa di finti allarmi bomba che erano arrivati alle strutture sempre via email. Sul moltiplicarsi dei casi, la Wbe ha sottolineato che il fenomeno interessa tanto il Belgio quanto la Francia. Il 13 ottobre 2023 ad Arras, nel Nord francese, si è verificato un attentato di matrice islamica costato la vita ad un insegnante, mentre il 16 ottobre a Bruxelles un altro attentato compiuto in nome di Allah era costato la vita a due persone di nazionalità svedese, giunte nella capitale belga per la partita della loro nazionale contro i padroni di casa.