Benedetta batte Benedetto

Delia Cosereanu
07/12/2010

Il libro della Parodi vende più del Papa.

Benedetta batte Benedetto

La cucina veloce piace, eccome. Ma la buona cucina è un’altra cosa. È questo il giudizio di Enzo Vizzari, direttore della guida Ristoranti d’Italia dell’Espresso, sul secondo libro di Benedetta Parodi, Benvenuti nella mia cucina. Non è certo un fenomeno letterario, ma è diventato subito un best-seller, tanto che nell’ultima settimana di novembre è stato il più venduto, superando autori come Umberto Eco, Andrea Camilleri e papa Benedetto XVI.
Il nuovo libro di ricette, il secondo scritto dalla conduttrice del programma televisivo Cotto e mangiato, in onda su ItaliaUno subito dopo l’edizione delle 12.25 di Studio Aperto è stato persino imitato dai comici dei Fichi d’India, autentico segno – secondo molti – di vera popolarità (guarda il video).
Il ricettario-racconto ha occupato il primo posto della classifica dei libri più venduti, rubando addirittura la scena a Il cimitero di Praga di Umberto Eco, al 2° posto, e a Luce del mondo. Il papa, la Chiesa e i segni dei tempi. Una conversazione con Peter Seewald, un’intervista con Benedetto XVI per capire la Chiesa e i cambiamenti della società contemporanea (al 4° posto).

Il segreto di Parodi: la cucina di tutti i giorni e la velocità

Ma quali sono gli ingredienti principali utilizzati da Parodi per conquistare i lettori? Molti hanno confessato di avere consultato il libro non come un ricettario, quindi saltuariamente, ma di averlo letto dall’inizio alla fine, proprio come si fa con un romanzo o con un saggio. Sono stati quindi gli stessi lettori a suggerire e a chiedere all’autrice di aggiungere nel suo nuovo libro, oltre alle nuove ricette, anche il racconto spontaneo delle sue esperienze in cucina, dei pensieri, dei ricordi, delle emozioni e delle preoccupazioni familiari della vita di tutti i giorni.
La vita di una donna che lavora, che ha un marito e dei figli, nella quale facilmente si possano riconoscere facilmente tutte le persone che la seguono.
Il vero segreto del successo di Parodi, giornalista, conduttrice per molti anni di Studio Aperto, il telegiornale di ItaliaUno, lasciato nel 2008 per passare ad una rubrica dedicata alla cucina, Cotto e mangiato, è la velocità con cui si preparano le ricette proposte. E per le persone impegnate, tra lavoro e famiglia, il tempo è prezioso.

Vizzari: «Ma la buona cucina è un’altra cosa»

E poi, un libro «con una pubblicità martellante fatta attraverso la presenza in video dell’autore non può che avere successo», ha spiegato Vizzari a Lettera43.it. «Parodi è simpatica e cucina come tutti gli italiani, è paladina dei surgelati, dunque usa ingredienti alla portata di tutti. Le sue ricette e i suoi metodi sono familiari e semplificano la vita», ha sottolineato il gastronomo. «Ma la buona cucina è un’altra cosa, richiede prodotti di qualità. È la differenza tre nutrirsi e mangiare bene», ha aggiunto Vizzari.
Sta di fatto che il libro di ricette di tutti i giorni va a ruba. Per non parlare dei quattro dvd con le ricette proposte dal libro, in vendita (ma già esauriti) su un noto sito di shopping online. Non è solo un elenco di consigli culinari, ma contiene anche annotazioni sulle “papere” della cucina Parodi, comuni a tutti i cuochi alle prime armi.