Benzina, il pieno costa 22 euro in più del 2011

Redazione
24/08/2012

La benzina non si ferma più. Il caro-pieno è il costante incubo degli italiani, che si apprestano anche a salutare...

Benzina, il pieno costa 22 euro in più del 2011

La benzina non si ferma più. Il caro-pieno è il costante incubo
degli italiani, che si apprestano anche a salutare gli sconti
iperself del weekend.
Così, per rientrare dalle ferie potrebbero spendere fino a 22
euro in più rispetto al 2011. La stima è del Codacons che ha
rilevato come siano «oggi numerosissimi in tutta Italia i
distributori che per la verde praticano prezzi superiori ai 2 euro al
litro
».
UN LITRO COSTAVA 1,57. Il presidente Carlo
Rienzi ha sottolineato come, «rispetto al 24 agosto 2011, per
fare un pieno di benzina occorre infatti spendere quasi 22 euro
in più; l’anno scorso, in questo periodo, un litro di verde
costava 1,57 euro; oggi supera con facilità i due euro in
numerosissimi impianti di rifornimento. «Ciò equivale ad una
stangata senza precedenti sulle tasche degli automobilisti
italiani, molti dei quali in viaggio su strade e autostrade per
il rientro dalle vacanze».
VIA AL BOICOTTAGGIO. Il Codacons ha ricordato
che dal 24 agosto parte il boicottaggio dei distributori più
cari: «Invitiamo gli automobilisti ad effettuare rifornimento a
partire da oggi unicamente nei giorni e negli impianti che
effettuano promozioni e sconti, boicottando quelli che applicano
listini più elevati, allo scopo di speculare sul rientro dalle
vacanze», ha concluso Rienzi.