Berlusconi, spunta un nuovo testamento sottoscritto in Colombia

Redazione
10/10/2023

L'imprenditore torinese Marco Di Nunzio ha depositato il documento e diffidato i cinque figli del Cavaliere, che gli avrebbe lasciato il 2 per cento di Fininvest, 26 milioni di euro, la società che possiede le ville ad Antigua e diverse imbarcazioni.

Berlusconi, spunta un nuovo testamento sottoscritto in Colombia

L’imprenditore torinese Marco Di Nunzio ha depositato presso uno studio notarile di Napoli un testamento, non olografo, con la firma di Silvio Berlusconi. Il 55enne lo ha portato lo scorso 3 ottobre e si tratta di un documento speciale, sottoscritto dal Cavaliere in Colombia il 21 settembre 2021. L’11 settembre scorso, invece, i figli hanno firmato e accettato il testamento aperto il 5 luglio.

LEGGI ANCHETestamento di Berlusconi, i dubbi della grafologa: «Differenze di grafia e anomalie»

Di Nunzio nella lista Movimento Bunga Bunga

A rendere pubblica la notizia del documento depositato a Napoli è stato l’avvocato Erich Grimaldi, procuratore generale di Di Nunzio. Quest’ultimo, come spiega Repubblica, racconta di essere stato legato a Berlusconi da un rapporto di amicizia decennale. L’imprenditore piemontese, che vice appunto in Colombia, ha anche tentato la scalata politica nel 2013. Si è candidato alla presidenza della Regione Lombardia con la lista Movimento Bunga Bunga. Ma questa è stata esclusa dalla Corte d’Appello di Milano per alcune irregolarità presunte nelle firme.

Grimaldi ha diffidato i cinque figli di Berlusconi

Ora Grimaldi ha formalizzato la diffida ai cinque figli di Silvio Berlusconi chiedendo l’immediata immissione nel possesso dei beni. Secondo il testamento sottoscritto in Colombia, l’ex leader di Forza Italia avrebbe lasciato a Di Nunzio il 2 per cento delle azioni di Fininvest, 26 milioni di euro, varie imbarcazione tra cui la nave Principessa VaiVia e tutte le azioni della società proprietaria delle ville ad Antigua.

Berlusconi, spunta un nuovo testamento sottoscritto in Colombia
I figli di Silvio Berlusconi al funerale (Getty Images).

Grimaldi: «Documento valido»

L’avvocato ha anche spiegato che il documento, stipulato a Barrio Espinal nello studio del notaio Jimenez Najera Margarita Rosa, «è divenuto valido a tutti gli effetti e dovrà essere ufficialmente considerato e inserito obbligatoriamente nella pratica successoria di Silvio Berlusconi». E ha spiegato: «A notifica avvenuta i legati testamentari saranno, di certo, sottoposti al vaglio della famiglia del Cavaliere, del notaio Roveda e dello stesso Comitato direttivo della società Fininvest, in considerazione anche del 2 per cento delle azioni della relativa società quotata in Borsa, assegnatogli da Berlusconi in sede testamentaria».