Bersani: «Governo Monti parentesi non ripetibile»

Redazione
24/08/2012

Nessuno provi ad abolire le elezioni.  L’avvertimento di Pierluigi Bersani è chiaro. «Se in Italia passasse l’ide ache la politica...

Bersani: «Governo Monti parentesi non ripetibile»

Nessuno provi ad abolire le elezioni. 
L’avvertimento di Pierluigi Bersani è chiaro. «Se in Italia passasse l’ide ache la politica non è in grado di tirarci fuori dalla crisi, ci porremmo automaticamente al margine delle democrazie del mondo».
MONTI UNA PARENTESI. Dopo le brevi vacanze, il leader del Partito democratico è tornato a parlare del dopo Monti, dettando le condizioni d’autunno.
In una lunga intervista a La Repubblica, Bersani ha affermato che «Il governo tecnico, che pure ha fatto un gran lavoro, è una parentesi non ripetibile». 
Al giornalista che gli ha chiesto se la paura del Pd è che le Borse e le cancellerie di mezza Europa non si fidino di una eventuale ascesa al potere della sinistra, Bersani ha replicato citando la moneta unica e Prodi, D’Alema e D’Amato.
NO A GRANDE COALIZIONE. «Chi vince governa. Questo è il vero tema, non quanti tecnici ci sono al governo. E questo significa che nn si può andare al voto proponendo una grande coalizione», ha sostenuto Bersani che ha anche chiesto a Monti «un cambio di passo. Rompere l’avvitamento tra austerità e recessione».
IMPOSTA GRANDI PATRIMONI. Come ha sottolineato il ministro Elsa Fornero, il vero nodo secondo il leader Pd è la pressione fiscale. Bersani ha rilanciato un’imposta sui grandi patrimoni immobiliari per alleggerire l’Imu e il rafforzamento della tracciabilità dei capitali. 
E a proposito della tentazione di elezioni anticipate in autunno: «Sono un’elucubrazione dannosa» ha detto Bersani, sostenendo di non volerle.