Bimba di 10 mesi in coma per le percosse

Redazione
24/01/2011

Nella serata del 22 gennaio, una bimba di dieci mesi è stata ricoverata al Policlinico Agostino Gemelli di Roma con...

Bimba di 10 mesi in coma per le percosse

Nella serata del 22 gennaio, una bimba di dieci mesi è stata ricoverata al Policlinico Agostino Gemelli di Roma con lesioni gravi sul corpo dopo essere finita in coma, per circostanze ancora da chiarire.
La piccola, figlia di una bracciante agricola di 41 anni e di un manovale, abita a San Felice Circeo, in provincia di Latina. A dare l’allarme è stata la madre della creatura, che ha chiamato il 118 quando si è resa conto, cercando di darle la pappa, che la neonata non riusciva a mangiare, scoprendo immediatamente che la bimba presentava diversi traumi.
SEGNI DI MALTRATTAMENTO. Sul corpo della piccola, infatti, nata nel marzo scorso, sono stati trovati i segni evidenti di maltrattamenti, anche risalenti ai giorni scorsi. Lesioni gravi, secondo il referto medico, dovute a percosse o cadute. La bimba è ora in coma, e i carabinieri stanno interrogando i tre sospettati: i genitori della neonata, un manovale di 45 anni e una bracciante agricola di 40, e l’attuale convivente di lei, un operaio di San Felice Circeo. La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti.
RAPPORTI INSTABILI. La madre della piccola ha già un matrimonio alle spalle e altri due figli maschi di cinque e sette anni, che vivono con il padre naturale. La donna, lasciato il marito, un operaio, avrebbe iniziato la convivenza con un altro uomo, padre della piccola. Ma anche questa convivenza è durata poco, tanto che tra l’ottobre e il novembre scorso la donna ne ha iniziata un’altra.