Bisignani accusa Cl: «Ignora Andreotti»

Bisignani accusa Cl: «Ignora Andreotti»

18 Agosto 2013 12.41
Like me!

Quando decide di parlare, Luigi Bisignani lascia sempre il segno.
A margine del meeting di Comunione e liberazione a Rimini,
il faccendiere ed ex giornalista ha accusato gli organizzatori di
aver «sfruttato in tutti i modi Giulio Andreotti» in passato,
ma ora che è morto «lo ignorano. Quando era in in vita li
vedevi tutti in fila, in cerca di raccomandazioni, posti,
suggerimenti con incontri anche organizzati a tradimento. Una
vergogna. Ha ragione chi dice che pensano solo a fatturare, altro
che spiritualità».
NESSUN RICORDO. Ospite del talk show
KlausCondicio, Bisignani ha attaccato: «Gli
organizzatori hanno sfruttato e osannato Andreotti da vivo e non
hanno sentito il bisogno di trovare neppure un’ora da
dedicare al suo ricordo. Questo mi fa davvero indignare e anche
vergognare da cattolico. Dovrebbero cancellarlo il loro slogan
che recita pressappoco così: ‘Se la globalizzazione ti
lascia solo, Cl no’. questi non onorano neppure i
morti».
«Per anni ho accompagnato Andreotti a Rimini volando a volte con
gli elicotteri un po’ sgangherati messi a disposizione da
Peppino Ciarrapico», ha raccontato Bisignani. «Per anni i
dirigenti di Comunione e liberazione scodinzolavano attorno al
presidente e lo supplicavano di aiutare l’organizzazione con
qualche telefonata giusta per invitare ospiti prestigiosi come
quella volta in cui fece arrivare per uno storico incontro i
ministri degli Esteri israeliano e quello palestinese e non
solo».
FORMIGONI ESCLUSO DAI RELATORI. Ma ora del Divo
Giulio non c’è traccia al meeting di Cl, dove è scoppiata
un’altra polemica per l’esclusione dell’ex
governatore lombardo Roberto Formigoni dall’elenco dei
relatori.
Il presidente della Compagnia delle Opere, Bernard Scholz, ha
motivato l’accaduto per il fatto che Formigoni non presiede
più il Pirellone. Ma l’ex presidente della Lombardia ha
definito «patetiche» le parole di Scholz al Corriere della
Sera
.
«Si tratta forse di umorismo tedesco, che però non fa ridere
nessuno», ha aggiunto. «Io il meeting ho contribuito a fondarlo
e organizzarlo. E sarei stato invitato negli ultimi anni in veste
di presidente di Regione Lombardia. Ma andiamo, su…».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *