Bitonto, sequestrati sette bar

Redazione
01/10/2010

Sette bar di Bitonto, nel barese, sono stati chiusi oggi, primo ottobre, perché frequentati da boss criminali. Nei confronti dei...

Sette bar di Bitonto, nel barese, sono stati chiusi oggi, primo ottobre, perché frequentati da boss criminali. Nei confronti dei titolari, è stato notificato un provvedimento di sospensione della licenza di pubblico esercizio. Negli ultimi mesi, la citta’ di Bitonto è stata interessata da una violenta guerra armata tra i due principali clan contrapposti, il clan Cipriano e il clan Conte.
Dallo scorso mese di marzo, quando venne ferito con colpi di arma da fuoco il pregiudicato Vito Giordano, si sono verificati a Bitonto una serie di agguati, con morti e feriti. Nel corso di uno di questi episodi, è stata colpita a un braccio una cittadina romena. L’ultima vicenda di sangue risale al 4 agosto scorso: in via Corte del Gelso, è stato ucciso Michele Cipriano, di 37 anni, sorvegliato speciale, appartenente all’omonimo clan, raggiunto da 13 colpi di arma da fuoco
L’attività di contrasto delle forze dell’ordine sul territorio è stata supportata dai Comitati provinciali per l’ordine e la Sicurezza Pubblica. Negli ultimi mesi, sono state emesse 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei massimi esponenti del clan Cipriano e sono state sequestrate armi e droga. Lo stesso capo clan Domenico Conte è stato arrestato, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa per la violazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno in Bitonto.
La polizia, che negli ultimi due mesi ha impiegato nell’attività quotidiana di controllo circa 300 uomini,  ha individuato numerosi esercizi commerciali, in particolare bar, divenuti secondo gli investigatori centri di aggregazione di soggetti pericolosi e con precedenti penali a loro carico.