Black out per Skype

Claudia La Via
22/12/2010

Il software bloccato per ore, Twitter lancia l'allarme in Rete.

Black out per Skype

«Some of you may have problems signing in to Skype. We’re investigating, and we’re sorry for the disruption to your conversations». Questo il messaggio inviato nel tardo pomeriggio del 22 dicembre dallo stesso team di Skype contattato da Lettera43.it per capire cosa stesse succedendo al software di messaggistica. Alcuni utenti di Twitter che aggiornavano in tempo reale i loro “cinghuettii” hanno parlato di 8 millioni di connessioni perse solo in un’ora. Intorno alle quattro del pomeriggio il primo accenno di black out. Poi il software ha continuato a funzionare a intermittenza fino al blocco totale per oltre un’ora. Il problema, come spiegato dal team di Skype, è stato globale: nessuna connessione possibile in Italia come neppure in Inghilterra o in America. Il blocco ha proseguito per tutta la notte: solo al mattino del 23 dicembre il software è tornato a funzionare, seppure ancora a intermittenza.
IL BLOCCO E L’ALLARME VIRUS. Dal Giappone, dall’America, da mezza Europa a l’Italia compresa, gli utenti si interrogano su cosa sia potuto accadere e qualcuno ha ventilato possibilità di un virus che possa aver infettato i Pc proprio attraverso il software di messagistica. Qualcun altro ha ventilato l’ipotesi di un super attacco informatico. Ancora però non sono arrivate notizie ufficiali in merito e i tecnici di Skype sono ancora all’opera per risolvere il problema e capirne le cause effettive.
UFFICI NEL PANICO. Il blocco a intermittenza di Skype ha messo in difficoltà milioni di utenti in tutti il mondo che non sono stati in grado, per tutto il pomeriggio del 22 dicembre, di inviare messaggi di messaggistica istantanea né di effettuare videochiamate all’interno della propria rete di contatti. Ma non solo. Nel panico sono finiti anche molti uffici che non sono riusciti a dialogare con colleghi e clienti, effettuare videoconferenze e incontri di lavoro “virtuali”.
TUTTO FERMO FINO A NOTTE. In serata sul profilo Twitter di Skype è apparsa un nuovo post per notificare che gli ingegneri erano a lavoro senza sosta per risolvere il problema e «far tornare le cose alla normalità». Poco dopo compare un altro post che rimanda al blog interno di Skype (leggi le spiegazioni degli ingegneri) dove vengono forniti ulteriori dettagli sul black out del programma per k’intero pomeriggio. 
IL PROBLEMA DEI SUPERNODI. Gli ingegneri sul blog hanno sottolineato che il problema sarebbe causato da problemi di aggiornamento che avrebbero portato offline alcuni “supernodi”, elementi fondamentali nella speciale rete di comunicazione su cui funziona il sistema Skype. L’assenza dei supernodi ha determinato l’impossibilità a comunicare ad alcuni milioni di utenti in tutto il mondo. Per questo il team si è messo a lavoro per mettere in piedi un “mega-supernodo” che smaltisca quanto prima il traffico e consentire alla rete di tornare alla piena efficienza.