Blade Runner 2049 stasera su Rai Movie: trama, cast e curiosità

Claudio Vittozzi
14/11/2023

Sequel del capolavoro di fantascienza del 1982, è diretto da Denis Villeneuve e interpretato da Ryan Gosling: l'agente K indaga sulla società Wallace, specializzata nella creazione di androidi, e farà alcune scoperte sconcertanti sul recente passato.

Blade Runner 2049 stasera su Rai Movie: trama, cast e curiosità

Stasera 14 novembre 2023 alle ore 21.20 andrà in onda il film Blade Runner 2049 sul canale Rai Movie. Il regista è Denis Villeneuve mentre la sceneggiatura è stata scritta da Hampton Fancher e Michael Green. Nel cast ci sono Ryan Gosling, Harrison Ford, Ana de Armas, Jared Leto e Robin Wright.

Blade Runner 2049 è il film che andrà in onda questa sera su Rai Movie, ecco trama, cast e curiosità della pellicola.
Una scena con Ryan Gosling (X).

Blade Runner 2049, trama e cast del film stasera 14 novembre 2023 su Rai Movie

La trama racconta la storia dell’Agente K (Ryan Gosling) un blade runner, un cacciatore di androidi, incaricato di indagare sulla società Wallace. Quest’ultima è riuscita a fare fortuna ereditando le tecnologie della Tyrell, multinazionale che era stata messa al bando dopo che gli androidi prodotti si erano ribellati ai padroni. A capo della Wallace c’è il misterioso Neander Wallace (Jared Leto) un uomo enigmatico che nasconde i suoi veri scopi.

Nel corso delle sue indagini, K scoprirà alcuni segreti che erano stati nascosti e cercherà di far luce sul caso degli androidi messi al bando. Per questa ragione, il suo percorso lo porterà a fare la conoscenza di Rick Deckard (Harrison Ford) un blade runner ritirato che ora vive in solitudine, lontano dalla città. I due stringeranno un’alleanza ma dovranno guardarsi le spalle perché la loro vita potrebbe essere in pericolo.

Blade Runner 2049, 5 curiosità del film stasera 14 novembre 2023 su Rai Movie

Blade Runner 2049, una scelta diversa per un personaggio

Il regista Denis Villeneuve voleva offrire il ruolo di Niander Wallace al cantante David Bowie. Purtroppo, 6 mesi prima delle riprese, l’artista morì. Al suo posto venne ingaggiato Jared Leto, anche lui una rockstar, visto che fa parte della band Thirty Seconds to Mars.

Blade Runner 2049, una versione definitiva del film

L’originale Blade Runner del 1982 diretto da Ridley Scott è stato rilasciato nel corso degli anni in tre versioni differenti. Quando è stato interrogato in merito a questa possibilità per il suo film, Denis Villeneuve ha dichiarato che non esistono altre versioni di Blade Runner 2049. In realtà, il regista in un primo momento aveva realizzato una pellicola di 4 ore e la produzione pensava di farla uscire in due parti. Tuttavia, dopo alcuni test, i dirigenti si resero conto che sembravano due capitoli diversi e non collegati, così Villeneuve decise di accorpare in un’unica versione il tutto.

Blade Runner 2049, la descrizione di Ryan Gosling del futuro del film

Il regista Denis Villeneuve ha spiegato che il futuro che si vede nella pellicola è una realtà alternativa dove non esiste la Apple. L’attore Ryan Gosling ha poi aggiunto che nell’universo di Blade Runner Steve Jobs non è mai esistito e le aziende tecnologiche si concentrano sulle funzionalità dei prodotti, non sull’aspetto estetico.

Blade Runner 2049 è il film che andrà in onda questa sera su Rai Movie, ecco trama, cast e curiosità della pellicola.
Una scena del film (X).

Blade Runner 2049, la location principale per le riprese

Gran parte delle riprese si sono svolte a Budapest, in Ungheria. Ecco perché nel film è possibile sentire qualcuno che parla ungherese. Tuttavia, alcune scene sono state girate in altre location: il rifugio di Deckard per esempio, si trova nelle vicinanze della città di Siviglia.

Blade Runner 2049, gli incassi non esaltanti

Il film secondo il portale Box Office Mojo ha incassato circa 270 milioni di dollari al botteghino. Si tratta di un risultato che ha deluso la produzione che ha speso per la realizzazione del progetto circa 180 milioni di dollari. Il regista Villeneuve e il produttore esecutivo Ridley Scott hanno affermato che lo scarso successo al botteghino è dovuto al ritmo del lungometraggio, troppo lento per intrattenere i più giovani.