Blitz ambientalisti, tinto di verde il Naviglio di Milano e il Canal Grande di Venezia

Redazione
09/12/2023

L'iniziativa di Extinction Rebellion è avvenuta in concomitanza anche a Roma, Torino e Bologna. Gli attivisti protestano contro «l'ennesimo fallimento politico della Cop28».

Blitz ambientalisti, tinto di verde il Naviglio di Milano e il Canal Grande di Venezia

A Roma, Venezia, Milano, Torino, Bologna il gruppo Extinction Rebellion ha messo in scena dei blitz ambientalisti contro «l’ennesimo fallimento politico della Cop28». Gli attivisti hanno tinto di verde con la fluoresceina, una sostanza innouoca utilizzata dagli speleologi, il Canal Grande di Venezia e il Naviglio Grande a Milano, appendendo anche al ponte Alda Merini un cartello che recita: «Il governo parla, la terra affonda». A Roma è stato tinto il Tevere, mentre a Torino il fiume Po. Qualche giorno fa, gli attivisti di Xr avevano interrotto una messa al Duomo di Torino.

Xr: «Cop28, mentre il governo parla noi appesi a un filo»

Sul ponte Alda Merini gli attivisti hanno anche inscenato un flash mob sdraiandosi a terra con addosso dei cartelli e hanno fatto affondare simbolicamente una casa di carta perché, hanno spiegato in una storia su Instagram, «stiamo letteralmente affondando» a causa degli eventi climatici estremi legati al cambiamento climatico. «Tra qualche ora, queste acque torneranno come prima. Nel frattempo, mentre i governi parlano, contiamo i danni e le vittime di continue alluvioni e incendi», hanno spiegato gli attivisti. Negli stessi istanti alcuni di loro si sono calati con delle corde dal ponte di Rialto di Venezia esponendo uno striscione con la scritta: «Cop28, mentre il governo parla noi appesi a un filo». Gli attivisti di Xr lottano anche per Debt for Climate, la campagna internazionale che promuove la remissione del debito dei Paesi del Sud del mondo per agevolarne la decarbonizzazione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Extinction Rebellion Milano (@xrmilano)