A Torino c’è stato un maxi blitz contro l’estrema destra

Perquisite abitazioni e sedi tra il capoluogo e Ivrea. Nel mirino anche la Legio Subalpina appena sbarcata in città.

09 Luglio 2019 10.06
Like me!

È scattata all’alba un’operazione della Digos di Torino nell’ambito della destra oltranzista, con diverse perquisizioni di abitazioni e sedi di militanti d’area di Torino e Ivrea. Il blitz ha avuto luogo anche nella sede cittadina di Legio Subalpina, in corso Allamano, nelle abitazioni di militanti di Forza Nuova e di rappresentanti del gruppo di estrema destra Rebel Firm di Ivrea.

L’OPERAZIONE E I SEQUESTRI SUL FINIRE DI GIUGNO

Un controllo seguito a quello dello scorso 20 giugno nella sede torinese di Forza Nuova, nella sede di Rebel Firm e nelle case di quattro militanti tra Torino e Cuneo. Luigi Cortese, coordinatore cittadino di Forza Nuova, era stato denunciato per apologia di fascismo. In quell’occasione erano stati sequestrati manganelli, mazze da baseball e scudi in plexiglass con simboli e molto materiale di stampo fascista come bandiere della Repubblica sociale e addirittura un busto di Benito Mussolini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *