RossoSangue

di Cristina Brondoni

Giornalista e criminologa pari merito. E vittima della serialità televisiva e del fascino discreto di certi assassini. Dopo 8 stagioni di CSI (quello con Grissom, per intenderci) pensa bene di riprendere a studiare e non si ferma fino alla messa in onda della 12esima stagione (quella con Ted Danson). A questo punto, criminologa forense, attende che i morti le fiocchino davanti per buttarsi a capofitto in un'indagine tutta sua. Per ora non è ancora successo. Così si dedica a scrivere di morti, soprattutto ammazzati, di svariati crimini (dal mobbing al cannibalismo, che poi non c'è tanta differenza), di armi e balistica e, ovviamente, di serie tv.