Bmw, la i3 punta sul carbonio

Redazione
20/08/2012

Dall'idea di auto di nicchia, alla produzione in serie. Insieme alla i8 è il volto green della casa tedesca. Sempre più leggera e performante.

Bmw i3. Pesa 1.250 chili, di cui 300 di batteria.

È stato programmato per il 2013 l’inizio della produzione della Bmw i3, l’auto elettrica con carrozzeria ultraleggera e vano passeggeri in fibra di carbonio. Quella che era nata come una vettura di nicchia è destinata invece a entrare in produzione in serie con un numero elevato di esemplari. Lo confermano anche gli investimenti di oltre 400 milioni di euro in edifici, impianti e strutture per la produzione di Bmw i3 e Bmw i8 (leggi l’articolo), a Lipsia, destinati a dare lavoro a 800 persone.

NIENTE INCENTIVI. Bmw ha annunciato di non avere intenzione di chiedere aiuti al governo Merkel per favorire l’acquisto di auto elettriche, ma piuttosto di voler sollecitare investimenti statali nelle infrastrutture, come le colonnine di ricarica.

LE CARATTERISTICHE. La nuova auto elettrica è ultraleggera, con un peso di 1.250 chili, di cui 300 di batteria. Un ingombro compensato con l’impiego delle fibre di carbonio per il vano passeggeri e dell’alluminio per la carrozzeria.
Rispetto al modello analogo a benzina, la nuova Bmw i3 è stata programmata per emettere, nel corso della sua durata di vita, la metà di CO2, se viene alimentata con energia di fonti rinnovabili.
In fatto di autonomia, sono 150 i chilometri che è in grado di percorrere. Per chi rinuncia alla climatizzazione e al riscaldamento, si può arrivare molto oltre. E chi tiene alla percorrenza può godere dell’aggiunta di un piccolo motore a scoppio, il cosiddetto «Range Extender».