Bombe carta contro la polizia dopo Inter-Juventus: due arresti e 50 Daspo

Redazione
05/02/2024

Si tratta di un gruppo di ultras nerazzurri. Un 22enne e un 24enne sono stati fermati, mentre per altri 48 è scattata la denuncia per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato.

Bombe carta contro la polizia dopo Inter-Juventus: due arresti e 50 Daspo

Domenica sera al termine di Inter-Juventus due tifosi nerazzurri, un 22enne e un 24enne, sono stati arrestati mentre altri 48 sono stati denunciati per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Il gruppo di ultras è accusato di aver lanciato, verso la mezzanotte, delle bombe carta verso i mezzi delle forze dell’ordine e dei pullman dei tifosi juventini nel parcheggio ospiti tra via Harar e via Pinerolo, causando il danneggiamento di un veicolo della polizia. La questura di Milano ha emesso un Daspo nei confronti di tutti e 50 i tifosi interisti. Lo scrive Ansa.

Nel pomeriggio erano stati identificati 18 tifosi juventini

Le forze dell’ordine erano entrate in servizio sin dalla mattinata per la bonifica dello stadio Meazza e la vigilanza in attesa dell’arrivo dei tifosi ospiti. Già intorno alle 18 la Digos aveva identificato 18 tifosi bianconeri per aver lanciato un petardo sotto a un pullman di un gruppo di tifosi interisti. Circa 60 supporters juventini, inoltre, erano stati allontanati dallo stadio dopo essersi presentati ai tornelli senza i biglietti.