Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva

Redazione
09/04/2020

Il premier britannico era stato ricoverato il 5 aprile dopo essere risultato positivo al coronavirus.

Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva

Boris Johnson è uscito dalla terapia intensiva. Lo ha comunicato Downing Street nella serata del 9 aprile. Il premier britannico, positivo al coronavirus, era stato ricoverato il 5 aprile. Johnson è stato riportato al reparto generale al St Thomas Hospital, dove riceverà «un attento monitoraggio».

L’OTTIMISMO DEL “SUPPLENTE” RAAB

Già nel pomeriggio, il supplente di Johnson Dominic Raab nella conferenza stampa di Downing Street sul coronavirus aveva detto che Johnson «continua a fare progressi positivi, i suoi pensieri e le sue preghiere» sono per le famiglie e gli amici di chi è morto e la sua gratitudine va al personale sanitario, ai volontari, a coloro che restano a casa.

Ho tutta l’autorità che mi serve per prendere le decisioni. Se ci siamo parlati? Non ancora

Dominic Raab

Raab aveva poi aggiunto di non avere ancora avuto modo di parlare con Johnson, dopo il ricovero del premier britannico in terapia intensiva, dicendosi però certo di avere in veste di vicario tutto il potere necessario per guidare il governo nell’emergenza. «Ho tutta l’autorità che mi serve per prendere le decisioni. Se ci siamo parlati? Non ancora. Penso che sia ora importante lasciarlo concentrare sulla guarigione, noi lo copriamo al governo».

IL REGNO UNITO RESTA IN LOCKDOWN PER ORA

Quanto alla situazione nel Regno Unito, Raab ha spiegato che il lockdown resterà in vigore «fino a quando non avremo prove che dimostrino che saremo passati oltre il picco» dell’epidemia. Il numero di morti da Covid-19 continua ad aumentare nel Regno, ha avvertito, e «noi non dobbiamo dare al coronavirus una seconda chance di uccidere altra gente. So che è dura, ma questo è uno sforzo di squadra» da fare tutti insieme.