Come è andata la Borsa italiana nel 2018

Come è andata la Borsa italiana nel 2018

28 Dicembre 2018 14.17
Like me!

La capitalizzazione complessiva delle società quotate a Piazza Affari si attesta a fine 2018 a 543 miliardi di euro, pari al 33,5% del Pil. È quanto si legge nella Review mercati 2018 di Borsa italiana, su dati aggiornati al 21 dicembre. Rispetto all'anno scorso il dimagrimento è evidente a causa di un calo dell'indice Ftse Mib del 15,8%: a fine 2017 Milano valeva infatti 644 miliardi, pari al 37,8% del prodotto interno lordo, l'indicatore della ricchezza del Paese.

A fine dicembre 2018 si contano 357 società quotate sui mercati di Borsa Italiana. Nel dettaglio: 242 società sul mercato Mta (di cui 74 Star), 2 su Miv e 113 su Aim Italia. In aggiunta, sono 95 le società su Gem (Global Equity Market), il mercato Mtf che ospita titoli internazionali, e 17 fondi chiusi su Miv. Gli scambi di azioni, sostanzialmente stabili, hanno raggiunto nel corso dell'anno che si chiude con la seduta del 28 dicembre con una media giornaliera di 2,5 miliardi con 282.761 contratti (+2,3% rispetto al 2017). Complessivamente sono stati scambiati oltre 70 milioni di contratti e un controvalore di oltre 622 miliardi. Il massimo giornaliero per contratti è stato raggiunto il 29 maggio 2018 con 642.457 contratti scambiati (secondo record da sempre) e per controvalore il 31 maggio 2018 con 5,9 miliardi. Intesa Sanpaolo è stata l'azione più scambiata per controvalore, con un totale di 71 miliardi e la più trattata in termini di contratti con più di 4 milioni di contratti.

PIAZZA AFFARI TRA LE ULTIME BORSE IN EUROPA

Piazza Affari ha chiuso l'anno in bassissima posizione in Europa, con un calo di oltre il 16% da inizio anno e dopo l'ultima seduta, davanti a Francoforte (-18,3%). In Europa occidentale la migliore è Lisbona (-8%), seguita da Zurigo (-10,37%) e Stoccolma (-10,44%). Amsterdam (-11%), Parigi (-11,8%), Londra (-12,5%) e Madrid (-15,47%) riescono a fare meglio della Borsa di Milano, mentre Atene lascia sul campo oltre il 25%, ponendosi come vero e proprio fanalino di coda del Vecchio Continente.

A MILANO RACCOLTI 4,2 MILIARDI E RESTITUITI CON OPA 4,8 MILIARDI

Nel 2018 le 31 società che si sono quotate sui mercati di Borsa Italiana attraverso Initial Public Offering (Ipo) hanno raccolto 2 miliardi di euro. Complice il cattivo andamento dei listini solo quattro hanno debuttato sul mercato principale, l'Mta (Carel Industries, Piovan, Garofalo Health Care e Techedge), uno su Miv (Nb Aurora) e 26 sull'Aim Italia. In aggiunta, tra le risorse drenate dal mercato, ci sono state 22 operazioni di aumento di capitale con un controvalore di oltre 2,2 miliardi. Sul fronte delle 'restituzioni' le 17 le Opa dell'anno hanno avuto un controvalore di 4,8 miliardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *