Redazione

Le quotazioni della Borsa italiana e lo spread del 3 luglio 2019

Le quotazioni della Borsa italiana e lo spread del 3 luglio 2019

Piazza Affari ha chiuso in rialzo, guadagnando il 2,4%. Il differenziale Btp-Bund scende sotto i 200 punti base. I mercati in tempo reale.

03 Luglio 2019 06.05

Like me!

Giornata ampiamente positiva quella del 3 luglio 2019 per Borsa italiana. L’indice Ftse Mib ha chiuso in forte rialzo, festeggiando la decisione della Commissione europea di non avviare nessuna procedura d’infrazione contro l’Italia. Il Ftse Mib ha guadagnato il 2,4% a 21.905 punti. . In rialzo Madrid (+1,22%), Parigi (+0,75%), Francoforte (+0,71%) e Londra (+0,66%).

LO SPREAD SCENDE SOTTO QUOTA 200

Lo spread tra Btp e Bund ha archiviato la seduta in forte calo a quota 197 punti, ai minimi da maggio 2018. Il rendimento del decennale italiano si è attestato all’1,58% così come non accadeva da ottobre 2016. È l’effetto dello stop alla procedura e della correzione dei conti pubblici decisa dal governo, mentre si attendono nuovi stimoli monetari da parte della Bce.

BORSE ASIATICHE IN ROSSO

Male le Borse asiatiche. Tokyo ha perso lo 0,5% e Seul, che ha rivisto al ribasso il Pil 2019, l’1,2%. In calo anche Hong Kong (-0,3%). Shanghai cede lo 0,94%, Shenzhen perde l’1,18%. Mentre Sydney ha chiuso positiva (+0,49%).

I MERCATI IN TEMPO REALE

19.07 – CHIUSURA BORSA WALL STREET IN POSITIVO

Chiusura record per Wall Street, le cui contrattazioni sono finite in anticipo prima dell’avvio del lungo weekend del 4 luglio, festa dell’Indipendenza in Usa. Il Dow Jones mette a segno un primato guadagnando lo 0,67% a 2.6965,86 punti. Record anche per l’indice S&P500 salito dello 0,77% a 2.995,80. In terreno positivo anche il Nasdaq che guadagna lo 0,75% a 8.170,23 punti.

18.11 – FINE SEDUTA IN POSITIVO PER TUTTA L’EUROPA

Le Borse europee chiudono in rialzo, in linea con Wall Street, e con gli investitori che guardano in modo positivo alla decisione della Commissione europea di non avviare la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia. Clima di fiduciosa attesa per quanto riguarda le future misure che potrebbero arrivare dalla Bce. L’indice d’area stoxx 600 guadagna lo 0,8%. In rialzo Madrid (+1,22%), Parigi (+0,75%), Francoforte (+0,71%) e Londra (+0,66%).

17.40 – PIAZZA AFFARI CHIUDE IN FORTE RIALZO

La Borsa di Milano chiude in forte rialzo e festeggia la decisione della Commissione europea di non avviare nessuna procedura d’infrazione contro l’Italia. Il Ftse Mib guadagna il 2,4% a 21.905 punti.

17.09 – MILANO BRILLA ANCORA A +2,3%

La Borsa di Milano avanza ancora con il Ftse Mib che guadagna il 2,3% a 21.873 punti. Gli investitori festeggiano la decisione della commissione europea di non avviare la procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia. Piazza Affari è spinta dalle banche dove si mettono in mostra Ubi e Banco Bpm (+6%), Unicredit e Intesa (+4,5%).

16.20 – TUTTA EUROPA IN POSITIVO

Le Borse europee marciano stabilmente in positivo, in linea con l’andamento di Wall Street. Piazza Affari (+2,2%) guida i listini del Vecchio Continente con lo spread tra Btp e Bund che scende a 204 punti base ed il rendimento del decennale italiano all’1,66%. Il clima di euforia sui mercati arriva dopo la decisione della commissione europea di non avviare nessuna procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia. Si respira aria positiva anche per l’accordo sulle nomine europee. In Europa, oltre a Milano, si mette in mostra Madrid (+1,2%). Bene Parigi, Londra e Francoforte che guadagnano lo 0,6%. A Piazza Affari corrono le banche con Ubi (+6,6%), Banco Bpm (+6,1%) e Fineco (+4,3%). In rialzo Fca (+3,1%) e Atlantia (+2,3%). Debole Saipem (-0,4%) e Tenaris (-0,1%).

15.53 – MILANO CONTINUA LA CORSA A +2,1%

La Borsa di Milano prosegue la corsa con il Ftse Mib che avanza del 2,1%, dopo che la commissione europea ha deciso che non ci sarà nessuna procedura contro l’Italia. La decisione è stata ben accolta dai mercati con lo spread tra Btp e Bund tedeschi che si attesta a 207 punti base ed il rendimento del decennale italiano che scende sotto l’1,7% a 1,69%. Piazza Affari è sostenuta dalle banche con Ubi (+5,2%), Banco Bpm (+4,9%), Unicredit (+4%), Fineco (+3,9%) e Intesa (+3,8%). Bene anche Fca (+3%) e Atlantia (+2,4%). In positivo Mediaset (+0,3%), dopo la presentazione dei palinsesti a Santa Margherita Ligure.

15.35 – APERTURA WALL STREET IN RIALZO

Apertura in rialzo per Wall Street col Dow Jones che guadagna lo 0,23%, il Nasdaq lo 0,24% e l’indice S&P500 lo 0,23%.

14.58 – MILANO A +2%, SPREAD A 207 PUNTI

La Borsa di Milano vola e avanza del +2% a 21.811 punti. Piazza Affari è spinta dal forte rialzo delle banche. Lo spread tra Btp e Bund tedesco si attesta a 207 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,69%.

14.11 – EUROPA POSITIVA, CON AUTO E BANCHE

Positive le principali borse europee, dopo le nomine Bce e l’annuncio di Trump per quelle nella Fed. Negli Usa dove scendono le richieste di ipoteche, sono attesi una serie di altri dati macro. In Italia sale a giugno l’indice Pmi sull’attività delle imprese di servizi. Settore bancario positivo nel Vecchio continente: CaixaBank (+0,9%), Royal Bank of Scotland (+0,7%), Credite Agricole (+0,6%), Bnp Paribas (+0,4%), LLoyds (+0,2%), SocGen (-0,7%). Bene anche le auto: Fca (2,8%), Volkswagen (+1,7%), Peugeot (+1%), Renault (+0,1%).

13.12 – MILANO CONTINUA IN POSITIVO

Piazza Affari continua a correre con il Ftse Mib in rialzo dell’1,6%, in testa ai listini europei, mentre continuano a scendere i rendimenti dei titoli di Stato italiani. Il rendimento del Btp decennale scivola sotto l’1,7% e tocca un minimo di 1,681%, il livello più basso da dicembre 2017. Il biennale è scivolato in territorio negativo (-0,33%) per la prima volta da maggio del 2018. In Borsa brilla Atlantia (+3%), con gli investitori che scommettono sul fatto che il Governo non proceda con la revoca della concessione.

12.36 – PIAZZA AFFARI CORRE, BTP AI MINIMI

Piazza Affari allunga il passo, con l’indice Ftse Mib che sale dell’1,58%, in testa alle Borse europee, mentre il rendimento del Btp a dieci anni tocca il minimo dal dicembre del 2017, scendendo sotto quota 1,709%. Guida i rialzi in Borsa Fca (+3,2%), premiata dopo i dati migliori delle attese sulle immatricolazioni a giugno negli Usa, davanti ad Amplifon (+2,7%), Fineco (+2,7%) e Atlantia (+2,5%), che beneficia dalla relazione con cui i giuristi del Mit suggeriscono di rinegoziare la convenzione.(ANSA).

11.37 – MILANO GUADAGNA L’1%

Milano indossa la maglia rosa in Europa (Ftse Mib +1,1%). Londra, Parigi e Francoforte salgono dello 0,5% dopo l’intesa sulle nomine nella Ue. La scelta di Christine Lagarde per la successione a Mario Draghi e l’annuncio di Donald Trump di voler nominare le ‘colombe’ Christopher Waller e Judy Shelton nella Fed rassicura gli investitori sul sostegno delle banche centrali all’economia, facendo scendere ovunque i rendimenti dei titoli di Stato, con i Treasury ai minimi dal novembre del 2016.

09.10 – APERTURA DELLA BORSA DI MILANO POSITIVA

Avvio di seduta in rialzo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in progresso dello 0,1% a 21.415 punti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *