Borsa italiana e spread del 5 aprile 2019 in tempo reale

Borsa italiana e spread del 5 aprile 2019 in tempo reale

05 Aprile 2019 04.14
Like me!

Ultima seduta della settimana chiusa in lieve rialzo (+0,24%) quella del 5 aprile 2019 per la Borsa italiana. A guidare Piazza Affari sono Tenaris (+3,01%), Stm (+2,91%), che continua a beneficiare dell'ottimismo su un accordo Usa-Cina, e Saipem (+2,88%). Salini Impregilo strappa a +9,69%. A2a scivola (-1,72%) per la seconda seduta consecutiva dopo i conti.

Anche le altre principali Borse europee hanno chiuso in positivo: Parigi ha guadagnato lo 0,23% con il Cac 40 a 5.476 punti. Francoforte è salita dello 0,18% con il Dax a 12.009 punti mentre Londra ha registrato un +0,61% con il Ftse 100 a 7.446 punti. Wall Street positiva: Dow Jones in progressione dello 0,14% a 26.422,68 punti, il Nasdaq avanza dello 0,59% a 7.938,69 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,46% a 2.892,69 punti

SPREAD BTP BUND IN RIBASSO

Lo spread tra Btp e Bund tedesco a 10 anni ha chiuso in calo a 247 punti base. Il rendimento del titolo italiano è al 2,47% (il 4 aprile aveva chiuso a 252 punti base).

LE QUOTAZIONI DI MERCATI E SPREAD IN DIRETTA

22.01 – LA CHIUSURA DI WALL STREET IN TERRENO POSITIVO

Chiusura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,14% a 26.422,68 punti, il Nasdaq avanza dello 0,59% a 7.938,69 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,46% a 2.892,69 punti.

19.00 – CORRE SALINI E TENARIS, A2A IN DIFFICOLTÀ

Milano termina la settimana con una buona seduta (Ftse Mib +0,24%) in linea coi listini europei – dove brilla Londra (+0,61%) con la richiesta della May di un rinvio della Brexit -, spinti dall'occupazione Usa migliore delle attese e dal pressing di Trump per una politica monetaria più espansiva. A guidare Piazza Affari sono Tenaris (+3,01%), Stm (+2,91%), che continua a beneficiare dell'ottimismo su un accordo Usa-Cina, e Saipem (+2,88%) grazie a nuovi contratti e al buon giudizio da parte delle case di investimento come Jp Morgan e Morgan Stanley che hanno alzato il prezzo obiettivo. Un mega contratto in Australia spinge Salini Impregilo (+9,69%) e aiuta indirettamente anche Astaldi (+3,6%) sulla fiducia che il salvataggio, con l'intervento di Cdp, possa andare in porto. In fondo al listino principale, dove la peggiore è A2a (-1,72%), che scivola per la seconda seduta consecutiva dopo i conti e il piano, resta Unicredit (-0,69%), penalizzata già alla vigilia da un possibile intervento su Commerz.

17.30 – CHIUSURA BORSA DI MILANO IN RIALZO

La Borsa di Milano ha chiuso in rialzo. L'indice Ftse Mib ha guadagnato lo 0,24% a 21.758 punti.

12.59 – LONDRA MIGLIORE PIAZZA EUROPEA CON IL RINVIO DELLA BREXIT

Le Borse europee nel complesso si confermano in cauto dopo il dato migliore delle attese sull'occupazione Usa che dà una mano in avvio a Wall Street. La migliore è Londra (+0,40%) sulla richiesta della premier May di un rinvio della Brexit al 30 giugno, tallonata da Parigi (+0,11%). Perde invece smalto Milano (+0,02%) malgrado Saipem (+2,9%) resti sotto i riflettori grazie a nuovi contratti e al buon giudizio da parte delle case di investimento con Jp Morgan e Morgan Stanley che hanno alzato il target price. Bene anche Stm (+2,15%), che continua a beneficiare col settore per le attese di un accordo Usa-Cina sui dazi, e Tenaris (+1,6%). Il maxi contratto in Australia tiene intanto sugli scudi Salini Impregilo (+8%) e trascina a distanza anche Astaldi (+4%). Debole Unicredit (-0,76%) mentre a Francoforte (+0,01%) Commerzbank (+1%) sale ancora dopo l'ipotizzato piano B col gruppo italiano qualora non vada in porto la fusione con Deutsche (-0,62%).

15.34 – APERTURA WALL STREET IN POSITIVO

Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,26% a 26.543,77 punti, il Nasdaq avanza dello 0,32% a 7.916,94 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,27% a 2.887,02 punti.

11.23 – L'EUROPA PROCEDE IN RIALZO

Borse europee in lieve rialzo con l'indice paneuropeo Dj Stoxx 600 che si mantiene sui massimi da agosto, spinto dalle attese per un accordo tra Usa e Cina che metta fine alla guerra commerciale e in attesa di capire come evolverà la Brexit dopo che premier, Theresa May, ha ufficializzato la richiesta di una proroga al 30 giugno per l'uscita dall'Unione. Milano avanza dello 0,3%, Parigi e Londra dello 0,1% mentre Francoforte arretra dello 0,1%. Positivi i future su Wall Street in attesa, nel pomeriggio, dei dati sull'occupazione americana. Sostengono i listini i titoli dell'energia, delle materie prime e dei semiconduttori. L'incertezza sulla Brexit pesa sulla sterlina, che si appiattisce a 1,165 sull'euro dopo un avvio positivo. Lo spread Btp-Bund scende sotto i 250 punti base, a 249.

09.42 – LA BORSA DI MILANO SALE

Avvio positivo per Piazza Affari con il Ftse Mib che avanza dello 0,29% spinto da Salini Impregilo, che vola (+8,5%) dopo essersi aggiudicata un mega contratto in Australia, e Saipem (+3,33%), che ha ricevuto due nuove commesse nella perforazione. Poco mossa Unicredit (+0,3%) dopo le indiscrezioni su Commerzbank, bene Tenaris (+1,5%), Stm (+1,1%) e Tim (+1%). In salute anche banche e assicurazioni con Unipol e UnipolSai (+0,8%), Ubi Banca (+0,8%) e Banco Bpm (+0,7%), Bper (+0,5%). Tra i pochi segni meno c'è la Popolare di Sondrio (-0,3%), che sconta il rischio di uno stop alla trasformazione in spa. Sono deboli anche la Juve (-0,2%) e Leonardo (-0,2%).

09.27 – VOLA SALINI IMPREGILO

Avvio di seduta a razzo per Salini Impregilo a Piazza Affari, dopo la firma di un mega contratto in Australia da 3,2 miliardi di euro, di cui 2,1 di competenza del gruppo di costruzioni italiano. Le azioni avanzano del 5,6% a 2,22 euro.

09.16 – LE BORSE EUROPEE IN RIALZO IN APERTURA

Apertura lievemente positiva per le principali Borse europee. A Parigi il Cac 40 sale dello 0,1% a 5.469 punti, a Francoforte l'indice Dax avanza dello 0,04% a 11.993 punti mentre a Londra il Ftse 100 segna un progresso dello 0,19% a 7.415 punti.

09.07 – APERTURA DELLA BORSA ITALIANA POSITIVA

Avvio di seduta positivo per Piazza Affari. L'indice Ftse Mib avanza dello 0,21% a 21.751 punti.

08.32 – CHIUSURA DELL'ASIA IN RIALZO

Seduta positiva per le Borse asiatiche, orfane dei listini cinesi e di Hong Kong, chiuse per festività. A guidare gli investitori è l'ottimismo espresso da Usa e Cina per il raggiungimento di un accordo sui dazi che il presidente Donald prevede possa essere firmato in quattro settimane. Positivi anche i future su New York e sull'Europa con l'indice globale Msci All Country World che si muove sui massimi da sei mesi. Tokyo ha chiuso in rialzo dello 0,31%, Seul dello 0,14%, Mumbai avanza dello 0,2% mentre Sydney si è mossa in controtendenza (-0,83%). Dopo il dato discreto sulla produzione industriale tedesca a febbraio, che allontana le nubi di recessione sulla locomotiva d'Europa, nel pomeriggio sono attesi i dati sul mercato del lavoro negli Stati Uniti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *