Redazione

Gli indici di Borsa e lo spread del 9 luglio 2019

Gli indici di Borsa e lo spread del 9 luglio 2019

Piazza Affari in rosso (-0,41%) nella seconda seduta della settimana. Il differenziale Btp-Bund a quota 209 punti base. In calo Wall Street. I mercati in diretta.

09 Luglio 2019 06.05

Like me!

La Borsa italiana ha vissuto una seduta negativa il 9 luglio 2019. Il primo indice Ftse Mib ha chiuso -0,41%. Mercati azionari del Vecchio continente tutti in calo: Francoforte (-0,8%), Parigi (-0,3%) e Londra (-0,1%).

In rosso a Piazza Affari Fineco (-2,1%), dopo che Unicredit (+0,7%) ha venduto l’ultima quota di capitale, Banco Bpm (-0,7%), Ubi (-0,5%), Intesa (-0,4%) e Bper (-0,05%). Male Saipem (-4%), Cnh (-3,1%), Juve (-2,1%). Bene Snam (+1,5%), Azimut e Nexi (+1,4%), A2a e Italgas (+1,2%).

LIEVE CALO PER LO SPREAD

Seduta in lieve calo per lo spread tra Btp e Bund. Il differenziale ha segnato quota 209 punti contro i 215 della chiusura precedente. Il rendimento del decennale è all’1,76%.

I MERCATI E LO SPREAD IN DIRETTA

22.06 – CHIUSURA WALL STREET CONTRASTATA

Chiusura contrastata per Wall Street. Il Dow Jones ha chiuso in calo per il terzo giorno consecutivo perdendo lo 0,08% a 26.783,76 punti, il Nasdaq invece ha guadagnato lo 0,54% a 8141,73 punti e l’indice S&P500 lo 0,12%% a 2979,64 punti.

18.00 – BORSE EUROPEE COL SEGNO MENO

Chiusura in negativo per le principali borse europee. La peggiore è stata Francoforte (-0,8%) a 12.436 punti, seguita da Parigi (-0,3%) a 5.572 punti e Londra (-0,1%) a 7.536 punti.

17.30 – CHIUSURA NEGATIVA PER LA BORSA ITALIANA

Chiusura in calo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha perso lo 0,41% a quota 21.886 punti.

16.35 – BORSE EUROPEE IN ROSSO DOPO WALL STREET

Deboli le principali Borse europee dopo l’apertura in rosso di Wall Street, con in calo negli Usa a giugno l’ottimismo delle piccole imprese. Maglia nera Francoforte (-0,9%), seguita da Parigi, Londra e Madrid (-0,3%), Milano (-0,1%). A Francoforte pesano Deutsche Bank (-3,4%) dopo l’annuncio del piano di ristrutturazione, e Thyssenkrupp (-4,7%), come l’altra multinazionale dell’acciaio ArcelorMittal (-5,3% ad Amsterdam). Male le auto nel Vecchio continente, dopo il taglio al prezzo obiettivo di Bmw da parte degli analisti: Renault (-2,9%), Peugeot (-2,5%), Daimler (-1,9%), Fca (-1,1%). In ordine sparso le banche: Commerzbank (-0,5%) Bnp (-0,4%), Lloyds (+0,3%), Royal Bank of Scotland (+1,6%).

15.30 – APERTURA DI WALL STREET IN NEGATIVO

Apertura in calo per Wall Street col Dow Jones che perde lo 0,42%, il Nasdaq lo 0,44% e l’indice S&P500 lo 0,39%.

15.12 – BORSE EUROPEE DEBOLI

Borse europee deboli in attesa di Wall Street, coi future Usa in rosso, che prospettano un’apertura di seduta in negativo, mentre negli Stati Uniti risulta in calo a giugno l’ottimismo delle piccole imprese. Tra le europee la peggiore resta Francoforte (-1%), tirata giù da Deutsche Bank (-3,2%), in calo già ieri, dopo l’annuncio del piano di ristrutturazione. Non va molto meglio Commerzbank (-1,7%). Seguono Parigi e Madrid (-0,4%), Milano (-0,27%) e Londra (-0,12%). In Italia i titoli più pesanti per il Ftse Mib sono Saipem ( e Cnh (-3,1%), Fineco (-2,9%) dopo che Unicredit (+0,8%) ha venduto l’ultima quota di capitale. Non brillano le banche, nonostante lo spread a 209 punti: Bper (-0,3%), Banco Bpm (-0,4%, Intesa (-0,5%), Ubi (-0,8%). In rosso nel Vecchio Continente anche le auto, dopo il taglio al prezzo obiettivo al prezzo di Bmw da parte degli analisti: Renault (-3%), Peugeot (-2,7%), Daimler (-2,4%), Fca (-0,7%). Bene invece a Milano Italgas (+1,4%), Snam (+1,2%), A2a (+1,1%), Terna (+1%).

13.13 – MILANO POCO MOSSA A METÀ GIORNATA

Piazza Affari poco mossa a metà giornata, con l’indice Ftse Mib in calo dello 0,2% che riduce di qualche frazione le perdite in linea con le altre Borse europee. A Francoforte (indice Dax -0,9%) sempre pesante Deutsche Bank che scende del 3,7%, mentre in Piazza Affari Saipem perde il 3,6% e Fineco il 3,2% a 9,97 euro. Qualche acquisto sulle utilities, con Nexi che è nettamente il migliore tra i titoli ad alta capitalizzazione in aumento di due punti percentuali.

11.57- PIAZZA AFFARI AMPLIA IL CALO A METÀ GIORNATA

Piazza Affari si avvicina a metà giornata ampliando di qualche frazione il calo del mattino: l’indice Ftse Mib perde lo 0,6%, collocandosi nel mezzo del gruppo delle Borse europee che vanno dal ribasso minimo di Londra (-0,3%) al massimo di Francoforte, che perde l’1,3% appesantita da Deutsche Bank in calo del 5% a 6,45 euro. A Milano sempre molto debole Saipem (-4,3%), seguita da Fineco (-3,7%) che scambia sotto i 10 euro avvicinandosi al prezzo di vendita dell’ultima quota da parte di Unicredit (da parte sua in calo dello 0,7%) di 9,85 euro. Male anche Cnh (-3,4%) con Pirelli che perde due punti e mezzo. Leggermente positiva Atlantia (+0,7%) e in aumento di un punto percentuale Nexi mentre Italgas sale dell’1,2%.

10.32 -TORNANO A GIRARE IN NEGATIVO TUTTI I LISTINI EUROPEI

Mercati azionari del Vecchio continente in calo: Londra cede lo 0,2%, Milano dopo un partenza incerta perde lo 0,4% con l’indice Ftse Mib, Parigi lo 0,6% mentre Francoforte cede l’1,2% appesantita da Deutsche Bank in calo di oltre il 4%. Male sulla Borsa tedesca anche Basf (-6%) e Continental (-4,4%), mentre in Piazza Affari le vendite si concentrano sempre su Saipem (-2,7%) e Fineco (-2,5% a 10,05 euro) dopo la cessione dell’ultima quota da parte di Unicredit. Cnh e Pirelli perdono circa due punti, mentre spicca in positivo Nexi che guadagna l’1,4%.

9.24 -MILANO OSCILLA ATTORNO ALLA PARITÀ

Primi scambi fiacchi in Piazza Affari, con gli indici principali (Ftse Mib +0,02%) che oscillano attorno alla parità. Il gruppo peggiore tra quelli a elevata capitalizzazione è Fineco dopo la vendita dell’ultima quota da parte di Unicredit (piatta in avvio) a 9,85 euro per azione con uno sconto del 4,4% rispetto al prezzo di chiusura di Borsa di lunedì: il titolo della banca multicanale cede il 2% mantenendosi di qualche frazione sopra quota dieci euro. Deboli a Milano anche Cnh (-1,7%), con Saipem, Pirelli e Prysmian, che cedono un punto e mezzo. In rialzo di oltre l’1% Hera e Terna

9.16 – TUTTA L’EUROPA APRE COL SEGNO MENO

Mercati azionari del Vecchio continente in leggero calo in avvio: Londra ha aperto in ribasso dello 0,21%, Parigi dello 0,19% e più pesante Francoforte, che scende in partenza dello 0,85%

9.06 – AVVIO NEGATIVO PER PIAZZA AFFARI

Avvio negativo per Piazza Affari: il primo indice Ftse Mib segna una perdita dello 0,21%, l’Ftse It All-Share un calo dello 0,18%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *