Le quotazioni di Borsa italiana e spread di oggi 21 maggio 2019

Le quotazioni di Borsa italiana e spread di oggi 21 maggio 2019

Milano rimbalza e chiude in rialzo dopo le difficoltà di inizio settimana. Il differenziale Btp-Bund a 271 punti. Wall Street positiva. I mercati in tempo reale.

21 Maggio 2019 04.06

Like me!

Borsa italiana in rialzo nella seduta di martedì 21 maggio 2019, dopo avere chiuso la giornata precedente in negativo (2,68%). Milano ha aperto a +0,48%, consolidando nel corso della giornata il guadagno e chiudendo a +0,77%.

I mercati infatti hanno interpretato la concessione del governo Usa a Huawei di una licenza temporanea per mantenere operativi apparecchi e reti già in commercio come un allentamento delle tensioni deflagrate ieri tra la società cinese e le Big Tech. Ne beneficiano i tecnologici, con Stm che rimbalza (+4,45%). Bene Ferragamo (+2,64%) e Tim dopo la trimestrale (+2,25%). Cede Azimut (-2,9%) di cui Fitch conferma il rating ma con outlook negativo. Alcune banche soffrono con lo spread che tocca anche i 280 punti base (per chiudere a 270,71): Bper perde (-2,63%) come Ubi (-2,49%) e Banco Bpm (-0,44%). Fuori dal Ftse Mib vola Astaldi (+7,88%) sulle indiscrezioni di una ripresa dei colloqui per la vendita della concessione del terzo ponte sul Bosforo. Ben intonata anche Ima (+3,27%) salita all'84% del capitale della società dell'e-mobility. Le Borse europee chiudono in rialzo: Londra (+0,25%), Parigi (+0,5%) e Francoforte (+0,85%). Chiusura in positivo anche per la Borsa di New York: il Dow Jones sale dello 0,77% a 25.876,92 punti, il Nasdaq avanza dell'1,08% a 7.785,72 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,85% a 2.864,47 punti.

LO SPREAD TRA BTP E BUND CHIUDE A 371 PUNTI

Lo spread tra Btp a dieci anni e Bund chiude in calo a 271 punti base dai 279 di ieri. Il rendimento del titolo italiano è al 2,64%.

LA CINA RIMBALZA, DEBOLE TOKYO

Ancora una seduta 'mista' per le Borse in Asia ma questa volta è la Cina a rimbalzare. Debole Tokyo, appesantita dal calo dei tecnologici sul caso Huawei. Lo yuan invece si è stabilizzato e l'indice Shanghai guadagna l'1,23% e lo Shenzhen l'1,75 per cento. A Taiwan il listino chiude in rialzo dello 0,64%, in Corea dello 0,27 per cento. Ora la scommessa del mercato è che siano le stesse aziende cinesi a compensare le forniture negate dagli Usa. Sanchuan Wisdom Technology ha preso il volo (+9,93%) insieme a Archemind Technology Nanjing (+10%), bene anche i competitor come Samsung che ha guadagnato il 2,86%, Tencent l'1,1%, Aac Technologies il 2,8%. China Molybdenum, il maggior produttore di questo metallo raro (usato nella produzione dell'acciaio), ha fatto un balzo del 6,8% con scambi dell'85% superiori alla media.

GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE DEI MERCATI

22.02 – CHIUSURA WALL STREET POSITIVA

Chiusura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,77% a 25.876,92 punti, il Nasdaq avanza dell'1,08% a 7.785,72 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,85% a 2.864,47 punti.

18.14 – SPREAD IN CALO A 271 PUNTI BASE

Lo spread tra Btp a dieci anni e Bund chiude in calo a 271 punti base dai 279 di ieri. Il rendimento del titolo italiano è al 2,64%

17.38- CHIUSURA DELLA BORSA DI MILANO A +0,77%

La Borsa di Milano chiude in positivo (+0,77%). L'indice Ftse Mib si ferma a 20.698 punti.

17.17 – WALL STREET ACCELERA

Wall Street accelera. Il Dow Jones sale dello 0,58% a 25.829,76 punti, il Nasdaq avanza dell'1,11% a 7.787,64 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,86% a 2.864,92 punti.

17.00 – LA BORSA DI MILANO AMPLIA I GUADAGNI A +0,6%

La Borsa di Milano riprende vigore all'approssimarsi della chiusura delle contrattazioni. Il Ftse Mib guadagna lo 0,6%, poco meno di Francoforte (+0,8%) ma meglio di Parigi e Londra (entrambe +0,3%). Continua il rimbalzo di Stm (+4,5%). Bene anche Tim (+2,8%). Rientra alle contrattazioni Azimut (-3,4%) dopo essere stata sospesa per eccesso di ribasso.

16.24 – LE BORSE EUROPEE RALLENTANO

Rallenta la corsa delle Borse europee nonostante la apertura positiva di Wall Street. Milano guadagna lo 0,36%, come Parigi. Londra è in rialzo dello 0,2%, Francoforte dello 0,7%.

15.34 – APERTURA IN POSITIVO PER WALL STREET

Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,51% a 25.809,78 punti, il Nasdaq avanza dello 0,86% a 7.769,68 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,61% a 2.857,53 punti.

14.45 – SPREAD A QUOTA 271 PUNTI

Lo spread tra Btp e Bund rallenta e si riporta sui 271 punti base, dai 277 punti dell'avvio di giornata e una breve incursione a quota 280. Il rendimento del decennale italiano è al 2,64%.

14.15 – MILANO RESTA IN POSITIVO: +0,65%

La Borsa di Milano resta in positivo (+0,65%) in linea col resto d'Europa: Londra (+0,65%), Parigi (+0,45%) e Francoforte (+0,85%). A Piazza Affari continua il rimbalzo di Stm (+4,1%) con i mercati che hanno 'digerito' l'esplosione di ieri della guerra commerciale tra Big Tech e Huawei. Bene Tim dopo il trimestre (+3%), Ferragamo (+2,3%) e Amplifon (+2,1%). Fuori dal Ftse Mib vola Astaldi con le trattative con Salini per il salvataggio che vanno ai tempi supplementari mentre, stando alle indiscrezioni, si riaprono quelle per la vendita della concessione del Ponte sul Bosforo. Il titolo è congelato per eccesso di rialzo (+9,9% teorico). Bene anche Ima (+3,2%). Cedono Bper (-3,5%), Azimut (-2,6%) e Juventus (-2%)

12.30 – BORSE EUROPEE IN RIALZO

Acquisti sui listini europei e indici tutti al rialzo. Mentre la guerra commerciale che ha turbato i mercati nelle scorse settimane sembra meno violenta. I tecnologici sostengono gli indici con il loro rimbalzo. Ad Amsterdam (0,47%) Asml guadagna l'+1%, Stm a Parigi (+0,45%) guadagna il 2,75%, la svizzera Temenos (+5,4%) specializzata in software aziendali sostiene Zurigo (+0,44%). Intanto Londra guadagna lo 0,67% e Francoforte l'1% dove Infineon rimbalza dell'1,58 per cento.

11.00- I TITOLI TECNOLOGICI RIMBALZANO

I titoli tecnologici, dopo le vendite di ieri in reazione al blocco di Google verso Huawei, oggi tengono alto l'indice d'area delle Borse europee, lo Stoxx 600. Il mercato ci ripensa e, assorbito il timore di un forte rallentamento nella produzione, che potesse influire su fornitori di componenti e sull'intero settore, anche con aziende non direttamente collegate a Huawei, oggi gli investitori si riposizionano sul settore. Un esempio per tutti per il mercato europeo è Stm, che ha Huawei fra i suoi primi dieci clienti e aveva fatto segnare un crollo sia a Milano che a Parigi. Oggi segna un +1,6% a Piazza Affari e +1,7% a Parigi. Rimbalzo anche per Infineon, scivolata a Francoforte, che tiene con il +1,2%. In positivo anche la svizzera Ams (+3,5%) e Asml ad Amsterdam (+0,9%), con analogo tonfo ieri.

10.00 – CHIUSURA POCO VARIATA DELLA BORSA DI TOKYO

La Borsa di Tokyo termina poco mossa, alla luce dei rinnovati timori di un inasprirsi delle dispute sul commercio internazionale tra Cina e Usa, dopo la rottura tra Google e il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei. Il Nikkei segna una variazione appena negativa dello 0,14%, a quota 21.272,45, con una perdita di 30 punti. Sul mercato valutario lo yen si mantiene stabile sul dollaro a un valore di poco superiore a 110, e a 122,70 sull'euro.

9.05 – APERTURA DELLA BORSA ITALIANA IN RIALZO

Rimbalza l'indice guida della Borsa di Milano in apertura. Il Ftse Mib apre in rialzo dello 0,48% a 20.637 punti.

9.00 – APERTURA DELLO SPREAD A 277 PUNTI

Lo spread tra Btp e Bund tedesco apre stabile a 277,5 punti con un rendimento al 2,68%.

2.15 – APERTURA BORSA TOKYO IN CALO

I rinnovati timori di un inasprirsi delle dispute sul commercio internazionale tra Cina e Stati Uniti, dopo la rottura tra Google e il colosso cinese delle telecomunicazioni Huawei, penalizzano la Borsa di Tokyo, nuovamente in calo in apertura di seduta. Il Nikkei cede lo 0,38% a quota 21.220,82, con una perdita di 80 punti. Sul mercato dei cambi lo yen si mantiene stabile sul dollaro a un valore di poco superiore a 110 e a 122,90 sull'euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *