Borsa, Milano chiude giù: -1,01%. Spread a 430

Redazione
20/08/2012

Apertura stabile per la Borsa di Milano il 20 agosto. L’inizio della settimana si è confermato in segno positivo, assestatodosi...

Borsa, Milano chiude giù: -1,01%. Spread a 430

Apertura stabile per la Borsa di Milano il 20 agosto.
L’inizio della settimana si è confermato in segno positivo, assestatodosi a + 0,8%, dopo la buona chiusura di venerdì 17.
Nel primo pomeriggio tuttavia ha virato in negativo: -0,52%. Chiusura a -1,01%.
SPREAD IN RIALZO. Apertura ottimistica anche per lo spread, che è calato fino a 417 punti per poi assestarsi a 430, contro i 429 di venerdì.
In lieve calo le altre principali piazze europee, mentre Tokyo ha chiuso stabile.

17.51 – LONDRA PERDE LO 0,5%. Chiusura in calo per la Borsa di Londra. L’indice Ftse-100 perde lo 0,5% a 5.824,37 punti.

17.49 – MALE PARIGI: -0,22%. Ha archiviato la seduta in territorio negativo la Borsa di Parigi. L’indice Cac 40 ha ceduto lo 0,22% a 3.480,58 punti.

17.47 – MADRID IN NEGATIVO: -1,21%. Chiusura in deciso calo per la Borsa di Madrid. L’indice Ibex è sceso dell’1,21% a 7.469 punti.

17.45 – FRANCOFORTE IN RIBASSO: -0,1%. L’indice Dax è sceso dello 0,1% a 7033 punti.

17.42 – MILANO CHIUDE IN CALO. Il Ftse Mib ha perso l’1,01% a 14.971 punti. Le banche, dopo aver pesantemente oscillato, hanno contenuto il calo. Sugli scudi Mps (+5%) regina del listino. Prese di profitto invece su Mediaset (-3,78%) e Finmeccanica (-5,12%).

17.01 – WALL STREET ANCORA NEGATIVA. Wall Street procede in calo. Il Dow Jones perde lo 0,21% a 13.246,82 punti, il Nasdaq cede lo 0,38% a 3.064,96 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,37% a 1.412,82 punti.

16.34 – LO SPREAD SALE. Lo spread tra il Btp decennale e l’analogo Bund tedesco sale a 430 punti base. Il rendimento del titolo del Tesoro è al 5,80%. La forbice Madrid-Berlino si allarga a 481 punti col tasso sui Bonos al 6,30%.

16.00 FACEBOOK IN CALO. Facebook scende sotto i 19 dollari per azione attestatndosi a 18,92 dollari. Il prezzo fissato per Facebook per lo sbarco in Borsa era 38 dollari per azione.

15.34 – WALL STREET APRE IN CALO. Il Dow Jones ha perso lo 0,11% a 13.256,64 punti, il Nasdaq ha ceduto lo 0,14% a 3.072,61 punti mentre lo S&P 500 ha lasciato sul terreno lo 0,11% a 1.413,70 punti.

14.23 – EUROPA DEBOLE. Si sono presentate deboli nel primo pomeriggio le principali borse europee, in attesa dell’indice della Fed di Chicago sull’attività economica Usa a luglio, previsto per le 14.30. Spread Btp-Bund in risalita a 420 punti e i bonos spagnoli a 462 punti. Londra ha ceduto lo 0,33%, Parigi lo 0,08% e Madrid lo 0,27%. Milano ha lasciato sul campo lo 0,52%, mentre Francoforte (+0,17%) è rimasta in territorio positivo.

14.08 MILANO GIRA IN CALO. Piazza Affari, dopo aver azzerato i guadagni, gira in calo. Il Ftse Mib cede lo 0,24% a 15.088 punti e il Ftse All Share lo 0,29% a 15.967 punti. Le vendite piegano in particolare Telecom Italia (-3,64%), Finmeccanica (-3,57%), Stm (-3,18%), Mediaset (-2,79%). Nel credito sempre sugli scudi Mps (+8,94%), seguita da Banco Popolare (+2,43%), Intesa SanPaolo (+1,7%), Bpm (+1,65%).

13.40 – MILANO SI FERMA. Azzera il rialzo Piazza Affari a fine mattinata. Il Ftse Nib sale dello 0,03% a 15.129 punti frenato da Stm (-2,9%), Mediaset (-2,23%), Telecom (-3,24%) e Finmeccanica (-3,31%). Giù anche Fiat (-1,56%) e Fiat Industrial (-1,36%), mentre proseguono gli acquisti sui bancari Mps (+10,69%), Intesa Sanpaolo (+2,3%) e Unicredit (+1,58%), che rallentano però il passo insieme a Camfin (+2,78%), a monte di Pirelli (-1,5%. Prosegue la corsa di Premafin (+4,45%), con Unipol e Fonsai caute a +0,7%.

13.12 – L’EUROPA SALE ANCORA. Proseguono in rialzo le borse europee, con il delta tra Btp e Bund a 414 punti e i Bonos a 458, in attesa dell’indice Fed Nat di Chicago. Milano (+0,65%) é la migliore, seguita da Madrid e Francoforte (+0,4% entrambe), mentre Parigi è stabile e Londra cede lo 0,1%. Gli acquisti si concentrano sulle banche italiane Mps (+12,6%), congelata anche per eccesso di volatilità, Intesa (+3,49%) e Unicredit (+2,9%). Bene Barclays (+1,3%) e Santander (+0,54%), giù Bankia (-4,49%). In calo anche Caixabank (-0,83%), e Bbva (-0,79%) a Madrid, mentre Banco de Sabadell guadagna l’1,17%. Tensione sulle materie prime, che influiscono sul listino inglese, con il calo dei metalli all’asta di Londra. Lonmin cede il 3,99% e Xstrata il 3,56%. A due velocità gli automobilistici: bene Rheinmetall (+3,6%) e Volkswagen (+1,23%), giù Renault (-1,37%), Pirelli (-1,22%) e Fiat (-1,02%). Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse europee. – Londra -0,14% – Parigi +0,06% – Francoforte +0,43% – Madrid +0,42% – Milano +0,65% – Amsterdam +0,05% – Stoccolma -0,15% – Zurigo -0,07%.

13.01 – SPREAD FERMO. Spread sostanzialmente invariati nonostante i dubbi espressi dalla Bundesbank e dal governo tedesco sul ruolo anti-crisi che potrebbe essere giocato dalla Bce. Dopo il calo di questa mattina, il differenziale tra Btp e bund tedesco è ora a 414,5 punti, con un rendimento del 5,7%. Per la Spagna, lo spread è invece a 458 punti con un rendimento del 6,14%.

11.31 – MILANO ACCELERA (+0,8%), INTESA E UNICREDIT +3,9%. Accelera Piazza Affari, con il Ftse Mib in crescita dell’1,2% a 15.320 punti. Brillano Intesa Sanpaolo e Unicredit (+3,9% entrambe), con lo spread a 412 punti
 e dopo che degli analisti di Chevreux hanno indicato la Cà de Sass come la ‘miglior banca periferica da possedere’. Banco Popolare guadagna il 5,32% e Bpm il 5,93%, mentre Mps (+14,77%) vola dopo un congelamento per eccesso di volatilità. Brilla Camfin (+6,67%), a monte di Pirelli (-0,44%).
Sulla finanziaria che controlla anche Prelios (-0,99%) è in corso un braccio di ferro tra l’azionista di controllo Marco Tronchetti Provera (41,7%) e Malacalza Investimenti (+12,1%) sul rafforzamento del gruppo. Secondo Equita Sim, però, ‘non c’é spazio per uno scenario speculativo’ sul titolo. Prese di beneficio su Finmeccanica (-1,07%), dopo il balzo di venerdì scorso, giù Stm (-1,49%) e Telecom (-1,98%).

9.55 – EUROPA CAUTA. Avvio di settimana cauto per le principali borse europee, in linea con i future su Wall Street, poco variati, in attesa di conoscere il dato sull’attività economica degli Usa a luglio misurato dalla Fed di Chicago. A parte Milano e Madrid (+0,3% entrambe), le altre piazze appaiono tutte in lieve calo da Londra e Francoforte (-0,12% entrambe) a Parigi (-0,08%). Con il differenziale Btp-Bund a 416 punti ed i Bonos a 467 punti Unicredit guadagna l’1,89% e Bankia perde il 2,72%. Gli investitori guardano agli incontri europei previsti in settimana, incentrati sul debito sovrano ellenico, dalla visita del commissario europeo all’economia Jean-Claude Juncker ad Atene del prossimo 22 agosto alla due giorni del 24-25 agosto del premier greco Antonis Samaras a Berlino e Parigi. Di seguito, gli indici dei titoli guida delle principali borse europee. – Londra -0,12% – Parigi -0,08% – Francoforte -0,12% – Madrid +0,39% – Milano +0,30% – Amsterdam -0,04% – Stoccolma -0,17% – Zurigo -0,19%.

9.37 – ATENE SALE. La Borsa di Atene ha aperto in rialzo, registrando un +0,06%, con l’Indice Generale a 639,64 punti.

9.32 – MILANO IN RIALZO. Imbocca la via del rialzo Piazza Affari dopo un avvio poco più che stabile. Il Ftse Mib guadagna lo 0,6% a 15.210 punti, spinto da Unicredit (+2,08%), Intesa (+1,87%), Bpm (+2,5%) ed Mps (+10,42%), che continua la corsa dopo l’apertura del presidente Alessandro Profumo ad una diluizione della Fondazione Montepaschi. Sul fronte Tronchetti Provera-Malacalza, invece, Camfin guadagna il 3,43%, Prelios cede l’1,74% e Pirelli (+0,11%) corregge al rialzo. Realizzi su Mediaset (-1,8%). Acquisti anche su A2a (+1,72%), mentre scivolano Stm (-1,25%), Telecom (-1,72%), Finmeccanica (-1,87%) e Poltrona Frau (-1,64%). In calo più contenuto Fiat (-0,18%), Fiat Industrial (-0,41%) ed Exor (-0,37%). Bene Premafin (+2,08%), più caute invece Unipol (+0,19%) e Fonsai (+0,51%), invariata invece Milano Assicurazioni.

9.17 – LEGGERO CALO PER MADRID. Avvio in lieve ribasso per la Borsa di Madrid, con l’indice Ibex-35 che scende dello 0,05% a quota 7.557.

9.11- MILANO STABILE. Avvio di seduta stabile per Piazza Affari. Il Ftse Mib segna un rialzo dello 0,05% a 15.131 punti.

9.10 – PARIGI AL RIBASSO. Avvio negativo per la Borsa di Parigi, con l’indice Cac-40 in ribasso dello 0,12% a 3.448 punti.

9.07 – LONDRA IN LIEVE CALO. L’indice Ftse-100 della Borsa di Londra apre con una lieve variazione negativa (-0,03%), in flessione a 5.850 punti.

9.05 – FRANCOFORTE PIATTA. Avvio senza variazioni per la Borsa di Francoforte. L’indice Dax apre a 7.036, praticamente lo stesso livello della chiusura di venerdì.

8.38 – LO SPREAD IN CALO. Avvio in netto calo per lo spread fra Btp e Bund. Il differenziale fra i due titoli decennali scende a 419 punti, dopo aver toccato un minimo a 417, rispetto alla chiusura a quota 429 di venerdì. Il rendimento del Btp è al 5,695%, mentre quello dei Bonos spagnoli al 6,336%, con uno spread di 480 punti.