Bossi: «Facile parlare per il Vaticano»

Redazione
20/01/2011

Il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, relica alla Santa Sede. «Il Vaticano non si commenta, ma penso che per...

Il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, relica alla Santa Sede. «Il Vaticano non si commenta, ma penso che per loro sia più facile parlare», ha detto ai cronisti, che gli chiedevano un commento alle parole del cardinale Tarcisio Bertone sulla vicenda Ruby (leggi l’articolo). «Berlusconi si è trovato con la casa circondata controllavano tutti quelli che entravano e che uscivano. Perché non hanno controllato anche là?».
Bossi in seguito ha precisato: «Mai criticato il Vaticano né tantomeno il Cardinale Bertone che conosco da tempo e che considero amico e stimo molto».
FEDERALISMO O VOTO. Parole di rimprovero anche per la magistratura: «Berlusconi si sente innocente e si sente praticamente aggredito dalla magistratura. Mi sembra che i magistrati abbiamo sicuramente un po’ esagerato».
Da ultimo Bossi ha ribadito la strada maestra per la maggioranza: «Si andrà a votare. Berlusconi è d’accordo che se non passa il federalismo c’è il voto».
FIORONI: «FUORI LUOGO». A Bossi replica il deputato del Pd Giuseppe Fioroni: «Fuori luogo per il tono e i contenuti le parole di Bossi nei riguardi del Vaticano. Un’autorità morale come la Chiesa», ha aggiunto Fioroni, «ha il dovere di non tacere di fronte al degrado e di richiamare tutte le coscienze dei credenti ai valori fondanti la vita umana». «Di certo la Chiesa», conclude Fioroni, «non può tacere sotto toni aggressivi e intimidatori».