Nessun passo avanti tra Londra e Bruxelles sulla Brexit

Redazione
24/04/2020

La Gran Bretagna non vuole estendere il periodo di transizione. E accusa l'Ue di non essere credibile sul fronte dei futuri rapporti commerciali.

Nessun passo avanti tra Londra e Bruxelles sulla Brexit

I negoziati sulla Brexit sono fermi al palo ed è scambio di accuse tra Londra e Bruxelles sulle ragioni dello stallo. Secondo Michel Barnier, che guida le trattative per conto dell’Unione europea, il Regno Unito da una parte non vuole estendere il periodo di transizione, dall’altra «rallenta la discussione in alcune aree», come quella del level playing field. Un atteggiamento che il capo negoziatore ha definito «inquietante e deplorevole». La Gran Bretagna ha replicato con altrettanta durezza, affermando che per quanto riguarda i futuri rapporti commerciali l’Unione europea non sarebbe credibile quando dice di aspirare a un’intesa senza dazi, perché l’offerta che Londra ha ricevuto sarebbe «ben al di sotto di quanto concordato da Bruxelles in recenti trattati di libero scambio siglati con altri Paesi sovrani».