Per la corte scozzese la chiusura del parlamento di Londra è illegale

I giudici di Edimburgo hanno evidenziato che la motivazione della sospensione dei lavori è la volontà di ostacolare i deputati. E sono pronti a emettere il decreto di annullamento.

11 Settembre 2019 11.31
Like me!

La Scozia giudica l’iniziativa di Boris Johnson di chiudere il parlamento di Londra illegale, o meglio così la considera il più alto tribunale civile di Edimburgo. La decisione dei giudici scozzesi, annunciata dalla Bbc, ribalta una precedente sentenza del tribunale. Tuttavia, spiega il servizio pubblico inglese, il tribunale non ha messo ordini di annullamento della sospensione dei lavori parlamentari, l’ordine potrà arrivare solo dopo un’audizione completa in programma a partire dal 17 settembre presso la Corte suprema di Edimburgo.

«ATTO DA ANNULLARE»

I giudici nella loro sentenza hanno scritto che la motivazione alla base della chiusura di Westminster da parte di Johnson è il desiderio di «ostacolare il parlamento». «La Corte», hanno scritto secondo quanto riporta la Bbc, «emetterà di conseguenza un decreto che dichiara che il consiglio del Primo Ministro a Sua Maestà la regina e la proroga che ne è seguita erano illegali, quindi nulli e privi di effetto»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *