Cosa ha detto Theresa May in Irlanda sulla Brexit

05 Febbraio 2019 17.59
Like me!

È andata a Belfast, capitale dell'Irlanda del Nord, Theresa May per rassicurare i nord irlandesi e gli irlandesi sulle sue intenzioni sulla Brexit. Prima della visita un portavoce di Downing Street aveva annunciato che la premier giovedì 7 febbraio intende portare a Bruxelles «nuove proposte» per provare a superare l'impasse sul backstop, il meccanismo vincolante di salvaguardia del confine aperto in Irlanda che Westminster contesta. May ha confermato che la Brexit scatterà il 29 marzo, come previsto, pur insistendo sull'obiettivo d'arrivare a un accordo di divorzio, ma intanto da Belfast, dove inizia una visita di due giorni sull'Isola di Smeraldo, la leader Tory ha teso la mano verso Dublino in maniera assai originale e cioè ventilando una candidatura comune Gran Bretegna Irlanda per i mondiali di calcio del 2030, sulla scia di quella del trio Usa-Messico-Canada già formalizzata per l'edizione 2026.

LEGGI ANCHE: Perché May e Ue discutono e cosa è il backstop

I legami «di amicizia e di famiglia» fra Regno Unito e Irlanda sono oggi «più importanti che mai», ha detto la premier britannica durante ildiscorso alla comunità degli affari di Belfast. May ha esaltato le relazioni strette fra Londra e Dublino e ha aggiunto di voler rincontrare presto il premier irlandese, Leo Varadkar, per discutere di come garantirle e svilupparle anche dopo la Brexit. Incluso attraverso la possibile organizzazione congiunta dei mondiali del 2030, «posto che le federazioni calcistiche dei nostri due Paesi approvino l'idea».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *