Cosa sappiamo del giallo del cadavere senza testa trovato a Milano

31 Marzo 2019 12.46
Like me!

Un corpo senza testa né arti, carbonizzato, trovato nella periferia di Milano, in via Cascina dei Prati. Sono i segni di quello che ha tutto l'aspetto di essere un misterioso omicidio coperto poi con un incendio. Ecco cosa sappiamo

LEGGI ANCHE: Fermati due uomini in relazione al ritrovamento del cadavere carbonizzato alla Bovisasca

ARTI E TESTA STACCATI

Dal corpo sono stati staccati la testa, le mani e le gambe all'altezza delle ginocchia. Le parti mancanti sono state trovate accanto al corpo, carbonizzate anche esse.

I VIGILI DEL FUOCO ERANO INTERVENUTI PER L'INCENDIO

A scoprire il cadavere sono stati i vigili del fuoco, intervenuti alle 22.15 per spegnere un incendio. A chiamare i soccorsi erano stati alcuni residenti del complesso di case popolari dell'Aler che ospita 350 famiglie. L'incendio, di origine dolosa, è stato quasi certamente appiccato per nascondere i resti dell'omicidio.

IL CADAVERE LASCIATO IN UN GABBIOTTO PER LA SPAZZATURA

Il corpo è stato trovato abbandonato a lato di un gabbiotto per la raccolta della spazzatura di un condominio dove spesso si recano anche degli esterni per abbandonare mobili ed elettrodomestici usati, come se si trattasse di una discarica abusiva.

VITTIMA ANCORA DA IDENTIFICARE

Secondo le prime ipotesi degli inquirenti, sembrerebbe trattarsi del corpo di un uomo. Inquirenti e investigatori sono al lavoro per identificare la vittima. Un lavoro non semplice, visto che il corpo è carbonizzato. Sul posto sono stati trovati anche una tanica nera e una bombola di gas, che non è esplosa e che i pompieri hanno spostato per precauzione. Determinanti per risalire all'identità della vittima potrebbero essere le sue impronte digitali, nel caso in cui si trattasse di una persona schedata.

SI INDAGA SUGLI ABITANTI DELLA ZONA

Gli investigatori della squadra omicidi coordinati dal pm Paolo Storari credono che l'assassino possa essere qualcuno che abita nel complesso, dal momento che all'ora in cui si sono verificati i fatti, nella tarda serata del 30 marzo, tra i cortili del palazzi e il parchetto pubblico di fronte, c'erano parecchie persone che avrebbero potuto notare uno sconosciuto. Alcuni appartamenti sono già stati visitati per trovare elementi utili alle indagini.

COMPLESSO NOTO ALLE FORZE DELL'ORDINE

Il complesso popolare è noto alle forze dell'ordine per la presenza di pregiudicati, case occupate, parcheggi sotterranei in cui vivono delle persone e vengono nascosti macchine e motorini rubati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *