Calabria, nuovo colpo alla cosca Commisso

Redazione
14/12/2010

La cosca Commisso di Siderno, una delle più potenti della Calabria, è nel mirino degl investigatori. Sono stati arrestati il...

Calabria, nuovo colpo alla cosca Commisso

La cosca Commisso di Siderno, una delle più potenti della Calabria, è nel mirino degl investigatori. Sono stati arrestati il 14 dicembre 53 presunti esponenti del clan, accusati di associazione mafiosa.
L’operazione congiunta di Polizia e Carabinieri ha preso le mosse da quella condotta nel luglio scorso dalla procura di Reggio Calabria insieme a quella di Milano, nota con il nome di “Crimine”, che aveva destrutturato le cosche egemoni nel capoluogo reggino, con l’arresto di oltre 300 persone. La nuova inchiesta ha delineato ulteriormente gli assetti e l’operatività della cosca Commisso che ha base operativa a Siderno, ma ramificazioni in altre regioni ed all’estero, in particolare in Canada.
L’ex sindaco di Siderno, Alessandro Figliomeni, è stato sottoposto a fermo dalla squadra Mobile di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione. Secondo l’accusa, Figliomeni sarebbe inserito a pieno titolo nella cosca ed è accusato di associazione mafiosa. Il provvedimento di fermo è stato emesso dalla Dda del capoluogo calabrese.
Il politico, ex Forza Italia, poi transitato nell’Mpa, è stato sindaco di Siderno sino al marzo scorso quando ha deciso di candidarsi alle elezioni regionali nella lista Autonomia e diritti con Loiero presidente.