Il Capodanno sdogana il porno con D'Avena, Nappi e Siffredi

Il Capodanno sdogana il porno con D’Avena, Nappi e Siffredi

30 Dicembre 2018 14.00
Like me!

Extrafest-Capodanno a Cinecittà World. Con Cristina D’Avena, Rocco Siffredi e Valentina Nappi. È vero: la grande regina nazionale della musica per bambini e le due massime icone viventi dell’hardcore nostrano non si esibiranno assieme. È però già curioso il notare come mentre una volta la locandina sarebbe stata sistemata in modo da mettere le luci rosse una volta che i più piccoli fossero andati a letto, adesso è il contrario. Ale 20 sarà infatti la Sexy Dinner; alle 22,30 il concerto di Cristina d’Avena con i Gem Boy. Che ci azzeccano tra di loro le tre attrazioni? In teoria, la prima con gli altri due assolutamente niente. In pratica, anche se la loro attività non è di tipo standard, i tre esibiscono comunque una dedizione e raggiungono una produttività che davvero in Italia è rara, e potrebbe farne degli emblematici Cavalieri del Lavoro.

LA CARRIERA DI CRISTINA D'AVENA

Bolognese, figlia di un medico e di una casalinga, Cristina D’Avena fa canzoni per bambini da quando nel 1968 a tre anni e mezzo arrivò terza allo Zecchino d'oro con il Valzer del Moscerino. Componente fino al 1976 del Piccolo Coro dell’Antoniano che ha poi continuato a frequentare per accompagnare la sorella minore fino al 1981, è da quell’anno che a partire da un manga giapponese dedicato a Pinocchio è diventata in Italia la interprete per definizioni delle sigle per cartoni animati: 86 album, 743 brani, 7 milioni di copie vendute, una quantità di comparsate in tivù e anche qualche esperienza come attrice e doppiatrice.

ROCCO SIFFREDI IL VOLTO DELL'HARD ITALIANO

Esattamente di due mesi e due giorni più anziano di lei, l’abruzzese di Ortona Rocco Antonio Tano. Dopo aver fatto il marinaio e il modello, aver lavorato nel ristorante parigino del fratello e aver preso il nome d’arte da un personaggio interpretato da Alain Delon nel 1970 nel film Borsalino, dal 1984 ha interpretato 447 film porno (se non ne abbiamo dimenticato qualcuno), oltre ad apparire in sei film "normali" e in una decina di trasmissioni tivù. E da segnalare la oltre sessantina di premi ricevuti: anche se tuttora nell'ambiente de cinema hard con menzioni tipo Best Group Sex Scene, Best Three-Way Scene o Male Foreign Performer of the Year.

VALENTINA NAPPI, LA PORNO INTELLÒ

Campana di Scafati, Valentina Nappi è di 26 anni più giovane: nata dunque l’anno prima che Rocco Siffredi ricevesse il primo dei suoi premi, e l’anno in cui Cristina D’Avena faceva il secondo dei suoi memorabili concerti al Palatrussardi. Ha esordito nel 2011: con e grazie a Rocco Siffredi, dopo averlo contattato via mail. Ma a sua volta ha fatto in tempo a girare una trentina di film, e a ricevere quattro premi. Soprattutto, però, lei è la pornostar che ha (o aveva visto che l'ultimo post è del 12 maggio 2017) un blog su Micromega in cui scrive di filosofia: cita Kant, esalta l’antifascismo pratico a base di sesso interrazziale di gruppo, difende l’integrazione europea e individua nel porno uno strumento di emancipazione. Memorabile, in particolare, una sua polemica con il filosofo rossobruno Diego Fusaro, in cui partì dall’analisi del capitalismo e finì sulla minaccia sessuale con un articolo intitolato: Squirtare in faccia a Diego Fusaro.

LA MADRINA E IL TESTIMONIAL

Ma se per questo anche Rocco Siffredi è una porno-star ormai coccolata dai giornali intellettuali, a partire dall'articolo che gli dedicò Le Monde. Ascoltato opinionista, il suo attaccamento alla moglie e ai figli ne hanno fatto una curiosa icona dei valori familiari, e in più è anche un impegnato testimonial di campagna sociali: è vero, anch’esse a volte virate sulla "minaccia sessuale". In questo senso, la porno-star icona della famiglia Rocco Siffredi fa un curioso controcanto alla cantante dei bambini che però di bambini non ne ha mai avuti, e non si è neanche mai sposata. Ma anche lei, a sua volta, si è esibita in formato sexy su Instagram rivelando compiaciuta di essere il sogno erotico di molti suoi fan. Ragazzini che hanno iniziato ascoltando le sue canzoni, e che poi magari sono passati anche a vedere i film di Rocco Siffredi e Valentina Nappi senza mai smettere di cantarle. Tant’è che D'Avena, dopo Duets del 2017, ha recentemente fatto il bis con Duets Forever in cui ha eseguito 16 delle sue canzoni più famose con alcuni dei nomi più noti della musica pop italiana

LEGGI ANCHE: Recensione di Duets Forever di Cristina D'Avena

Non siamo ancora arrivati a un duetto di Cristina d’Avena con Siffredi o con la Nappi, neanche a un loro Threesome, e probabilmente non ci arriveremo mai. Ma la convergenza c’è ormai, è evidente, ed è appunto rappresentata da questa locandina di Capodanno. D’altra parte, nel frattempo c’è anche Pornhub che ha appena reso noti i propri dati di traffico del 2018. Trasferisce 147 gigabyte al secondo, carica 12 nuovi video al minuto, ha quasi 100 milioni di contatti al giorno, e l'Italia è l'ottavo Paese più affezionato al sito, anche se poi gli utenti scappano quando in tivù c'è la partita Insomma, il porno si è sdoganato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *