Carburante, ultimi weekend di promozione

Redazione
21/08/2012

Con l’avvicinarsi della fine delle ferie, scadranno anche i week-end ‘promozionali’, dove i carburanti sono stati calmierati a patto di...

Carburante, ultimi weekend di promozione

Con l’avvicinarsi della fine delle ferie, scadranno anche i week-end ‘promozionali’, dove i carburanti sono stati calmierati a patto di fare il pieno da soli, pagando da una cassa automatica e solo in determinate pompe.
A chi è andata bene, quindi, nel weekend del 18 agosto è riuscito ad acquistare ancora la benzina ‘semplice’ da 95 ottani a 1, 69 euro, mentre il gasolio ‘standard’ si trovava anche a 1,59 euro.
ENI TRA I PIÙ COMPETITIVI. I prezzi più competitivi, fra i grandi marchi, li ha esposti il gruppo Eni, ma solo limitatamente ai carburanti standard, visto che nessuno sconto era previsto per quelli ‘bio’ o ad alte performance, sia fra i gasoli sia fra le benzine.
Il consumatore più esigente, invece, negli ultimi tempi, è arrivato quindi a pagare un singolo litro di benzina anche 2,071 euro (fra i 98 e i 100 ottani), e anche qualcosa in più se in autostrada e in alcune grandi città del Meridione.
UNA MEDIA DI 16 CENT DI SCONTO AL LITRO. Le promozioni hanno attratto molti clienti, incolonnati a lungo nonostante il caldo afoso degli ultimi giorni, e hanno riguardato anche altri operatori, con una media di circa 16 centesimi di sconto a litro.
Tuttavia, l’ondata di sconti non ha potuto fronteggiare del tutto gli aumenti che hanno puntualmente coinciso con il ‘grande esodo’ di inizio agosto. Quindi la verde fino al 20 agosto poteva essere fortuitamente comprata a non meno di 1,69 euro, mentre a inizio promozione si riusciva ad arrivare a 1,58.
ITALIA, TRA LE NAZIONI CON IL CARBURANTE PIÙ CARO. Sconti a parte, a conti fatti, per molte auto l’aumento di carburante rispetto allo stesso periodo del 2011 oscilla fra i 16 e i 20 euro a pieno. E nessuno si azzarda a fare previsioni per il futuro. Grazie a questi numeri, l’Italia continua a essere nei primi posti della non certo invidiata classifica di Nazione con carburanti più cari a livello europeo: è infatti sesta con la benzina e quinta con il gasolio.