Carburanti, sospesa la sentenza del Tar: tornano i cartelli con i prezzi medi

Redazione
01/12/2023

Il decreto sull'obbligo di esposizione per i benzinai era stato dichiarato illegittimo a inizio novembre, ma il Consiglio di Stato ha accolto l'istanza cautelare presentata dal ministero delle Imprese. Fissata l'udienza pubblica per l'8 febbraio.

Carburanti, sospesa la sentenza del Tar: tornano i cartelli con i prezzi medi

Tornano i cartelli con i prezzi medi dei carburanti. Il Consiglio di Stato ha accolto l’istanza cautelare presentata dal ministero delle Imprese e del Made in Italy, sospendendo l’esecutività della sentenza del Tar del Lazio che ha annullato il decreto ministeriale sull’obbligo di esposizione e di aggiornamento del prezzo medio da parte dei benzinai. È stato ritenuto necessario «un più approfondito esame», da svolgersi durante l’udienza pubblica fissata per l’8 febbraio 2024.

Le motivazioni del ricorso presentato da Fegica e Figisc 

La sentenza del Tar che è stata sospesa aveva accolto, in primo grado, il ricorso presentato dalla Federazione gestori impianti carburanti e affini (Fegica) e dalla Federazione italiana gestori impianti stradali carburanti (Figisc). I ricorrenti sostenevano che il decreto che imponeva l’obbligo di esposizione e di aggiornamento del prezzo medio fosse «sproporzionato, ingiustamente afflittivo ed irragionevole», determinando «una ingiustificata e irragionevole disparità di trattamento a danno di una sola categoria di operatori in regime di libera concorrenza rispetto ad altri soggetti economici nelle medesime condizioni». Il Tar del Lazio annullò il decreto ministeriale dichiarandolo illegittimo per l’assenza della prevista e preventiva comunicazione alla presidente del Consiglio e del parere del Consiglio di Stato.

Carburanti, sospesa la sentenza del Tar: tornano i cartelli con i prezzi medi
Il ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso (Imagoeconomica).

L’Agcm smentisce il ministero delle Imprese sull’efficacia dell’obbligo di esposizione

Secondo il ministero delle Imprese «l’esposizione del cartello sul prezzo medio dei carburanti in questi mesi ha riscontrato piena efficacia, come dimostrano la sensibile riduzione del margine di distribuzione in Italia, nonché la progressiva contrazione dei prezzi alla pompa dei carburanti». Tuttavia, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha condotto un’analisi dei dati dei prezzi medi dei carburanti pubblicati dal Mise nel periodo successivo all’entrata in vigore dell’obbligo di esposizione dei cartelli, rilevando che i prezzi e il margine di distribuzione della benzina e del gasolio sono rimasti sostanzialmente stabili nel periodo successivo all’entrata in vigore dell’obbligo, che risale al 31 marzo.