Caso Ferragni, la Guardia di Finanza nella sede Balocco per acquisire le carte sul Pandoro Pink Christmas

Redazione
08/01/2024

I finanzieri hanno anche notificato l'atto con cui si chiede l'elezione di domicilio e la nomina di un difensore in vista di una eventuale iscrizione nel registro degli indagati dei legali rappresentanti della società. L’ipotesi di reato, ancora da formulare, potrebbe essere non più frode in commercio ma di truffa.

Caso Ferragni, la Guardia di Finanza nella sede Balocco per acquisire le carte sul Pandoro Pink Christmas

La Guardia di Finanza sta acquisendo all’interno della sede della Balocco a Fozzano, in provincia di Cuneo, la documentazione relativa alla vicenda del Pandoro Pink Christmas, utili per l’inchiesta che riguarda Chiara Ferragni. I finanzieri del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Gdf di Milano, su delega del procuratore aggiunto Eugenio Fusco, hanno anche notificato l’atto con cui si chiede l’elezione di domicilio e la nomina di un difensore in vista di una eventuale iscrizione nel registro degli indagati dei legali rappresentanti della società. Già dalla mattina dell’8 gennaio è filtrato che l’ipotesi di reato, ancora da formulare, potrebbe essere non più frode in commercio bensì truffa.

LEGGI ANCHECoca Cola sospende lo spot con Chiara Ferragni

Caso Ferragni, la Guardia di Finanza nella sede Balocco per acquisire le carte sul Pandoro Pink Christmas
Chiara Ferragni (Imagoeconomica).

Indagini anche sulla bambola Trudi

L’indagine della procura di Milano sulle attività di beneficenza di Chiara Ferragni si sarebbe allargata anche alla bambola Trudi, limited edition creata dopo il matrimonio con Fedez per supportare Stomp out bullying, no profit impegnata contro il cyberbullismo. Gli investigatori vogliono capire in che modo sia stata effettuata la distribuzione del denaro incassato dalla vendita. Secondo Repubblica, il contraccolpo dell’inchiesta sul pandoro sull’impero dell’imprenditrice digitale sarebbe importante. Non si parla soltanto di decine di migliaia di follower persi sui social, ma anche di molti contratti di collaborazione saltati.