Chiamparino: «Siamo solo all’inizio»

Redazione
04/02/2011

Il risultato di pareggio in commissione Bicamerale e la decisione del governo di andare avanti comunque «rendono un senso di...

Il risultato di pareggio in commissione Bicamerale e la decisione del governo di andare avanti comunque «rendono un senso di precarietà, di incertezza che gettano un ombra sul percorso del federalismo». Ne è convinto il sindaco di Torino e presidente dell’Anci, Sergio Chiamparino, in una intervista alla Stampa. Il primo cittadino di Torino è convinto però che «siamo solo all’inizio» e «ci attendono passi ben più difficili». Qualunque cosa succederà, comunque, «chiediamo garanzie» e «la restituzione dell’autonomia fiscale ai comuni e le dotazioni che permettano alle amministrazioni di chiudere i bilanci del 2011».
Adesso, però, «sarebbe utile riprendere un confronto con le Regioni e con il governo per costruire una sorta di cabina di regia in vista dei passi successivi».

Per il sindaco di Trevisto sarebbero necessarie le elezioni

Dalle elezioni anticipate «avremmo avuto tutto da guadagnare». Ma adesso «Bossi ha in mano un asso non da poco e se lo può giocare, perché il governo si è impegnato sul federalismo». Lo ha detto in un’intervista a Repubblica, il sindaco leghista di Treviso, Gian Paolo Gobbo: lo scontento della base leghista contro Berlusconi, monta, perché «la tensione e l’aspettativa erano molto forti, come la delusione che ne è seguita». Ma il premier «é l’unico che ci può dare garanzie sul federalismo».
La valutazione di Attilio Fontana, sindaco leghista di Varese e vicepresidente dell’Anci, invece è che «così non si va da nessuna parte. Bisognerà riflettere sull’opportunità di staccare la spina». La sua è una valutazione «a titolo personale, perché per la Lega parla Bossi».