Caso Ferragni, indagato anche il manager Fabio Damato con l’accusa di truffa aggravata

Redazione
29/01/2024

L'uomo, che l'influencer ha definito il suo «braccio destro e sinistro», è inserito nel fascicolo della procura di Milano sui casi relativi al pandoro Balocco e alle uova di Pasqua Dolci Preziosi.

Caso Ferragni, indagato anche il manager Fabio Damato con l’accusa di truffa aggravata

Fabio Maria Damato, manager e uno dei collaboratori più stretti di Chiara Ferragni, è indagato per truffa aggravata come l’influencer. La notizia è emersa dal documento con cui il pg della Cassazione ha dato mandato alla Procura di Milano ad indagare sul caso del pandoro Balocco e delle uova di Pasqua Dolci Preziosi, risolvendo la questione sulla competenza territoriale con gli uffici di Cuneo.

Caso Ferragni, indagato anche il manager Fabio Damato con l'accusa di truffa aggravata
Fabio Damato (Facebook).

Chi è Damato, il manager di Chiara Ferragni

Damato, laureato in Economia aziendale alla Bocconi di Milano, è stato fashion editor per Class Editor e il Corriere della Sera, scrivendo nel frattempo di moda per altre testate come Amica e MF Fashion. Ha iniziato a collaborare con Chiara Ferragni nel 2017, con l’ingresso in The Blonde Salad, la società dell’imprenditrice nata dall’omonimo blog. Il rapporto con l’influencer si è intensificato negli ultimi anni, tanto che la stessa Ferragni l’ha definito il suo «braccio destro e sinistro».

LEGGI ANCHENon solo Chiara Ferragni, così l’influencer marketing spinge le Pmi e il Pil