Cina, bruciano madre che credono posseduta

Redazione
23/08/2012

Hanno bruciato viva la madre dopo che un presunto stregone ha detto loro che era un demone. È successo in Cina,...

Cina, bruciano madre che credono posseduta

Hanno bruciato viva la madre dopo che un presunto stregone ha detto loro che era un demone. È successo in Cina, precisamente nella provincia meridionale dell’Henan.
Tre uomini si sono lasciati suggestionare da un sedicente ‘leggendario dottore subordinato all’imperatore di giada, regnante taoista del paradiso’, chiamato per aiutare a risolvere i problemi di salute della donna.
COSTRETTA A BERE ALCOL E SANGUE. Lo stregone ha suggerito  ai tre ragazzi di far bere alla madre molto alcool misto a sangue di maiali, pollo e cani. Tutto ciò si sarebbe reso necessario per far sì che la donna sputasse dal corpo il demone che la perseguitava.
Disgraziatamente, il mix di alcol e sangue ha provocato alla donna un coma etilico.
Per tutta risposta, i figli hanno iniziato a picchiarla con dei bastoni per oltre tre ore, per poi darle fuoco in un cimitero.
Alla scena hanno partecipato anche alcuni parenti che inneggiavano alla cacciata e all’uccisione del demone che possedeva la donna.
ARRESTATI I FIGLI E LO STREGONE. Poche ore dopo, su segnalazione di alcune persone, la polizia ha arrestato il santone, suo fratello, i tre figli della donna e il cognato di questi, accusandoli di omicidio.