La Cina è il primo Paese per investimenti per la transizione energetica

Redazione
08/11/2023

Ha speso 546 miliardi di dollari nell'economia green, oltre la metà degli investimenti globali. Seguono l'Europa, con 180 miliardi di dollari, e gli Stati Uniti, con 140 miliardi.

La Cina è il primo Paese per investimenti per la transizione energetica

La Cina, primo produttore al mondo di gas serra, è anche il primo Paese per investimenti per la transizione energetica con 546 miliardi di dollari, corrispondenti a oltre la metà degli investimenti globali.

La Cina è il maggior produttore di impianti rinnovabili e auto elettriche

Seguono l’Europa, con 180 miliardi di dollari, e gli Stati Uniti, con 140 miliardi. I dati sono stati resi noti mercoledì 8 novembre a Rimini, durante l’ultima giornata degli Stati generali della green economy, alla fiera dell’economia circolare Ecomondo. La Cina, che punta a zero emissioni nel 2060, è anche il maggiore produttore di impianti rinnovabili e di e-car: sono stati prodotti in Cina la metà degli impianti eolici e solari e delle auto elettriche vendute nel mondo.

La Cina è il primo Paese per investimenti per la transizione energetica
Auto elettriche cinesi al porto di Suzhou in attesa di essere spedite (Getty Images).

L’Europa dal 2026 tasserà il carbonio sulle importazioni

L’Europa, che si candida a essere il primo continente carbon free, nel 2022 è stato il secondo per investimenti nella transizione ecologica. Il pacchetto Fit for 55 dell’Ue ha fissato un target di rinnovabili al 42,5 per cento entro il 2030, e un target efficienza energetica sempre per il 2030. Dal 2026 sarà in vigore il nuovo meccanismo innovativo di tassazione del carbonio sulle importazioni, il Cbam, e dal 2035 sarà vietata la vendita di nuove auto a diesel e benzina. La spesa dell’Ue per il clima e per le tecnologie green nel periodo 2021-2027 è stata pari a 578 miliardi di dollari, e rappresenta il 33 per cento del budget complessivo.

Gli Stati Uniti puntano a emissioni zero entro il 2050

Gli Stati Uniti dovranno arrivare a emissioni zero nel 2050 e stanno investendo 140 miliardi di dollari nella transizione green. Con l’Inflation Reduction Act del 2022, hanno stanziato oltre 500 miliardi di dollari per la sicurezza energetica e la transizione, in particolare su batterie e rinnovabili, trasporti green e mobilità elettrica, cattura e stoccaggio del carbonio.