Stop della Cina a causa del virus, rischio povertà per 11 milioni

Redazione
31/03/2020

La previsione della Banca mondiale preoccupa: anche nel migliore degli scenari l'espansione rallenterebbe al 2,3% dal 6,1% del 2019.

Stop della Cina a causa del virus, rischio povertà per 11 milioni

Le ricadute economiche della pandemia del coronavirus potrebbero portare a un arresto dell’economia cinese mettendo a rischio di povertà oltre 11 milioni di persone dell’Est asiatico. Lo sostiene la capo economista della Banca mondiale per la regione Aaditya Mattoo. Anche nel migliore degli scenari l’espansione della Cina rallenterebbe al 2,3% dal 6,1% del 2019.

NELLE ULTIME 24 ORE REGISTRATI 48 NUOVI CASI

Intanto, nella giornata del 30 marzo si sono registrati nel Paese solo 48 nuovi casi di infezione da coronavirus, tutti importati. La Commissione sanitaria nazionale (Nhc), aggiornando il numero dei contagi di ritorno a 771, ha menzionato un ulteriore decesso nell’Hubei, la provincia epicentro della pandemia. I casi gravi continuano ad assottigliarsi, essendo scesi di 105 unità a 528. I contagi certi complessivi sono ora 81.518: 2.161 sono i pazienti in cura, 3.305 i decessi e 76.052 i dimessi dagli ospedali, pari a un tasso di guarigione del 93,2%.