Aggredito un altro ragazzo con la maglia del Cinema America

Le botte durante un concerto di beneficenza a Frosinone. Si tratta del terzo episodio dopo quelli di giugno.

28 Luglio 2019 16.25
Like me!

Un’altra vittima della violenza fascista, picchiato perché indossava la maglietta amaranto del Cinema America, la stessa associazione già presa di mira dai gruppi di estrema destra con due aggressioni a giugno. L’ultimo episodio è avvenuto a un concerto di beneficenza contro la leucemia, a Frosinone. La vittima, 33 anni, è stata prima minacciata nei bagni poi inseguita e picchiata. Gli aggressori gli hanno strappato la maglia è rotto gli occhiali. «Erano di estrema destra», ha raccontato il giovane.

ZINGARETTI SE LA PRENDE CON SALVINI

L’episodio ha immediatamente generato reazioni della politica: «Un altro ragazzo picchiato perché portava una maglietta del Cinema America», ha scritto su Facebook il segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti, «smettiamola con un ministro degli Interni che diffonde l’odio. Vengano immediatamente arrestati gli aggressori. Sia garantita la sicurezza a tutti. Si rafforzino le forze dell’ordine pilastro della nostra democrazia che sono senza contratto da oltre 200 giorni. All’alleanza dell’odio contrapponiamo l’alleanza delle persone perbene che credono in un futuro di sviluppo e solidarietà».

Un altro ragazzo picchiato perché portava una maglietta del Cinema America. Un’associazione di ragazze e ragazzi che fa…

Posted by Nicola Zingaretti on Sunday, July 28, 2019

SENSI POSTA LE FOTO SU TWITTER

«Ancora una aggressione a un ragazzo, questa volta a Frosinone, colpevole di indossare la maglia del Piccolo America durante un concerto di raccolta fondi contro la leucemia», ha denunciato su Twitter il deputato del Pd Filippo Sensi. «Solidarietà e condanna per odio e intimidazioni fasciste», ha concluso rilanciando le foto pubblicate dal cinema America in cui si vede un uomo con la maglietta rossa strappata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *