Come utilizzare il miele di castagno

Marzia Colla
16/03/2018

Straordinariamente buono e corposo, il miele di castagno non si usa solo in cucina. Può essere infatti utlizzato anche in altri campi.

Come utilizzare il miele di castagno

Il delizioso miele di castagno è il tipico prodotto delle zone montuose, molto diffuso in Francia, Italia e Svizzera, dove si possono trovare interi boschi di castagni. 

Il miele di castagno è ricco di vitamine, proteine e sali minerali; è un miele scuro, molto aromatico e dal sapore completo, dolce e amarognolo nello stesso tempo. Si ottiene dal fiore di castagno e si raccoglie da giugno a ottobre.

A dispetto di quanto si possa pensare per il suo gusto squisito, non è solo la cucina il suo regno. 

Uso in cucina

Davvero fantastico come sapore, il miele di castagno può essere gustato con le pere e pecorino a fette. Ma anche insieme a ricotta e stracchino diventa una prelibatezza da non lasciarsi sfuggire.

Per una merenda o uno spuntino raffinato può essere spalmato su di una fetta di pane semplice oppure unito a pane alle noci, rucola e Gongorzola.

Un altro utilizzo sempre in cucina del miele di castagno è quello di aggiungerlo allo yogurt oppure alle creme per dessert o per farcire le torte. Ma è buono anche semplicemente sulle crespelle, da consumare calde.

Da non dimenticare poi che viene apprezzato molto anche nelle pietanze salate, sulla carne e naturalmente come sostituto dello zucchero.  

Utilizzi vari

Grazie alle sue caratteristiche e proprietà, il miele di castagno è assai curativo per tutto l'organismo dato che regola l'invecchiamento, protegge il corpo e toglie la stanchezza. Infatti, questo tipo di miele apporta antiossidanti e tanta naturale energia.

Per quel che riguarda la pelle ha un'azione efficace contro l'acne e allevia le infiammazioni cutanee. In effetti basta una maschera di miele di castagno, da applicare volendo con farina di avena, per risolvere i problemi dell'epidermide.